Pubblicato in: Guide

Cosa fare il 25 aprile e l’1 maggio a Bologna

Giuseppe SeminarioGiuseppe Seminario 4 settimane fa
25 aprile 1 maggio bologna 2019
Murubutu

Un’accoppiata tutta da vivere, quella tra la Festa della Liberazione e la Festa del lavoro. Anche quest’anno, infatti, Bologna riserva numerose iniziative per trascorrere le due festività, tra impegno e divertimento. Ecco quindi la nostra guida che riassume cosa fare il 25 aprile e l’1 maggio in città e dintorni

 

25 aprile a Bologna: cosa fare in città

Gioia e Rivoluzione

Torna l’appuntamento che unisce autoproduzioni, musica dal vivo, convivialità e Resistenza in programma nella Manifattura delle Arti, tra Parco del Cavaticcio e Cassero LGBTI Center. Il ricco programma prenderà il via alle ore 12, con l’apertura del Vintage Trip, puntellato da stand di abbigliamento e artigianato, da visitare bevendo uno dei drink preparati dal bar dell’Arcigay di Bologna. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 17, la musica sarà l’assoluta protagonista grazie alla seconda edizione di Born free day, il festival dedicato a band emergenti. A esibirsi Stardust Jam, OWN PAW THEE DIE, Sons of Lazareth e Ring of Swing, con una serie di performance che accompagneranno il pubblico fino all’inizio dell’after party, a ingresso gratuito e previsto alle ore 23.30, organizzato all’interno della Salara dalla crew di Internazionale Trash Ribelle.   

 

Pratello R’Esiste

L’evento che da più di un decennio anima il cuore resistente di Bologna anche quest’anno propone un programma degno della sua storia. Attraverso la musica e la letteratura, la storia partigiana di Bologna e dintorni rivivrà sul palco principale in Piazza San Rocco, dove si esibiranno, tra gli altri, il Coro R’Esistente, alle ore 11 con canti partigiani e resistenti, e gli Assalti Frontali, che chiuderanno la line-up della giornata dalle ore 17.30 alle ore 19, con interventi che daranno risalto alle tematiche di genere. Sul palco di Piazza San Francesco, invece,si alterneranno band emergenti e performer di live painting. Non mancheranno altri punti di aggregazione, da quello curato dal Macondo a quello allestito dal Piratello, tra live, food e buon bere. I bambini potranno inoltre divertirsi all’interno del Centro Sociale della Pace, dove verranno organizzate attività a loro dedicate.Per saperne di più e scoprire tutto su chi darà il proprio contributo durante l’intera iniziativa rimandiamo alla pagina dell’evento.   

 

Festa della Liberazione in Cineteca + Mercato straordinario

Anche la Fondazione Cineteca di Bologna, in collaborazione con il Mercato Ritrovato, festeggerà la giornata dedicata alla Liberazione italiana dal nazi-fascismo, e lo farà a modo suo. Saranno infatti alcuni capolavori restaurati negli ultimi anni i protagonisti delle proiezioni in cartellone. Partendo da Amarcord di Federico Fellini, in programma alle 10 e a cui seguirà uno speciale pranzo, si continuerà con Hiroshima mon amour diretto da Alain Resnais, previsto per le 18. La programmazione andrà avanti nel segno del neoralismo, alle 20 con Ladri di biciclette di Vittorio De Sica e alle 22 con Roma città aperta di Roberto Rossellini. Bambini e bambine, inoltre, avranno l’occasione di vedere Dragon trainer – Il mondo nascosto, il terzo capitolo diretto da Dean DeBlois della saga dedicata ai draghi, proiettato alle ore 16. Immancabili, infine, l’offerta eno-gastronomica di qualità, grazie ai produttori della zona raccolti nel Mercato Ritrovato che si dipanerà tra Piazzetta Pier Paolo Pasolini, Piazzetta Anna Magnani e Giardino John Klemlen.

 

Il 25 aprile di CUBO – La propaganda di guerra tra cartoon e anime

Un appuntamento per approfondire i rapporti tra il cinema d’animazione e la propaganda durante la Seconda Guerra Mondiale, quello organizzato da CUBO presso il Teatro San Leonardo giovedì 25 aprile, alle ore 18. Tra proiezioni di reperti iconografici del tempo, documentari e cartoon, Alessia Cecchet, Roberto Grandi e  Giulietta Fara guideranno la platea in viaggio che ricostruirà i profondi legami tra il genere preferito dai più piccoli e le politiche governative adottate durante il secondo conflitto mondiale.

 

25 aprile fuori porta

San Lazzaro Food & Beer Fest

Tutta la varietà del cibo regionale racchiuso in quattro giornate tutte da gustare. Questo promette la rassegna in partenza proprio il 25 aprile in Piazza Bracci a San Lazzaro di Savena e che chiuderà i battenti domenica 28 aprile. Dal fritto di pesce romagnolo alle olive all’ascolana, passando per il panino con il lampredotto, il festival non mancherà di saziare anche i palati più arditi, che potranno innaffiare tutte le prelibatezze italiana con la selezione di birre curata dai Beer Brothers On The Road. Appuntamento a partire dalle ore 19, quindi, per lanciarsi in degustazioni per stomaci senza età.

 

Percorsi Antifascisti a Monte Sole

Da scenario della strage di civili più efferata dell’occupazione nazista a luogo di pace e fratellanza. Il Parco Regionale Storico di Monte Sole, esteso sul territorio dei Comuni di Marzabotto, Monzuno e Grizzana Morandi, è diventato uno dei simboli della Resistenza emiliana e, come ogni anno, le commemorazioni proseguiranno per tutta la giornata. A partire dalle ore 10.30, con le orazioni ufficiali e gli interventi dello scrittore Jovan Divjak e del filosofo Massimo Cacciari, fino al concerto dei Tre allegri ragazzi morti che suoneranno dal palco sul Prato del Poggiolo, una serie di eventi che mescolerà memoria, impegno civile e cultura.

 

1 maggio a Bologna: cosa fare in città

Festa nazionale dei lavoratori 2019

Quest’anno sarà Piazza Maggiore il cuore delle rivendicazioni sindacali di Cgil, Cisl e Uil. I tre sindacati confederali hanno scelto infatti Bologna per organizzare la consueta manifestazione, che nel 2019 si intitola Lavoro, diritti, stato sociale: la nostra Europa, con un occhio quindi rivolto al prossimo appuntamento elettorale in programma a fine maggio. La giornata inizierà alle 10 con il corteo che da Piazza XX Settembre porterà sul crescentone di fronte a Palazzo D’Accursio dove, alle 12, Carmelo Barbagallo (Uil), Annamaria Furlan (Cisl) e Maurizio Landini (Cgil) interverranno dal palco. Dopo il pranzo solidale curato dalle Cucine Popolari, il pomeriggio, invece, sarà dedicato alla musica. Tra gli artisti principali Murubutu e gli Après la classe, che chiuderanno la scaletta in serata. Una giornata ricca che, in sintonia con la tradizione bolognese, unirà impegno e intrattenimento.

 

1° Maggio con USB: Ambiente, lavoro, diritto al futuro

Anche la manifestazione organizzata dai sindacati di base guarda al futuro, con un focus specifico sull’ambiente. In Piazza dell’Unità, a partire dalle ore 11, la Festa del lavoro darà spazio alle connessioni tra sfruttamento ambientale e lavorativo, economia sostenibile e vivibilità degli degli ambienti urbani, con dibattiti che si alterneranno ai momenti musicali in cartellone fino a mezzanotte. Non mancherà lo spazio per il cibo, con il pranzo popolare in programma alle 13, e per il divertimento, grazie a banchetti e giochi per tutte le età.   

 

Etichette: