Pubblicato in: Teatro

Gli spettacoli teatrali da vedere a Bologna a febbraio: dal Duse all’Arena del Sole

Spettacoli bologna febbraio 2018
Roberto Bolle

Un nuovo mese, un nuovo giro di giostra per capire come trascorrere una delle prossime serate del vostro weekend. Ecco giungere in soccorso lo #spiegoneteatri di Bologna Weekend, che vi segnala alcune opere teatrali in calendario in città durante la prossima settimana.

Ecco cosa vedere a teatro fino a fine Febbraio.

Spettacoli teatrali a Bologna a febbraio 2018

 

– Li buffoni (Teatro Arena del Sole 20 febbraio – 4 marzo)

La Commedia dell’Arte per raccontare l’attualità attraverso personaggi, e attori, fuori dall’ordinario. Questo è l’obiettivo dello spettacolo che la compagnia Arte e Salute porterà nel teatro stabile cittadino a partire da questa settimana. Un nuovo capitolo per Nanni Garella e il suo gruppo di attori, provenienti dai dipartimenti di salute mentale di quasi tutta la regione, da affrontare al ritmo del canovaccio seicentesco scritto da Margherita Costa – cortigiana romana che fu attrice, scrittrice, cantante – qui rielaborato e calato nel presente. Dialetti e lingue di quattro secoli fa trasformate in un linguaggio “italianato”, commistione di sonorità esotiche e parole nostrane, nato dal lavoro di riscrittura collettiva dell’ensemble.

ORARI: da martedì 20 a giovedì 22 febbraio e da martedì 27 febbraio a venerdì 2 marzo h 20.30; sabato 24 febbraio 3 marzo h 20; domenica 25 febbraio e 4 marzo h 16.30.

PREZZI: biglietto platea e palco intero 16,80 €; biglietto platea e palco ridotto Coop, Conad, Over 60; Tper, Ert 12,50 €; biglietto platea e palco ridotto Under 29 8,50 €.

 

– Roberto Bolle & friends (Teatro Il Celebrazioni 27 febbraio)

Un inizio settimana all’insegna della grande danza. Arriva infatti per il quarto anno di fila l’evento curato da Roberto Bolle. Étoile della Scala di Milano e Principal Dancer dell’American Ballet Theatre – primo e finora unico performer nella storia a rivestire entrambi i ruoli contemporaneamente -, il ballerino piemontese porterà tra i portici felsinei uno spettacolo curato nei minimi dettagli, coinvolgendo i principali esponenti del panorama internazionale. Un appuntamento da non perdere, in cui un’arte come il balletto, da sempre considerata d’élite, potrà essere goduta da tutti.

ORARI: h 20.45

PREZZI: biglietto I platea 115 €; biglietto II platea 80 €; biglietto I balconata 65 €; biglietto II balconata 52 €.

 

– Prima della prima: carta bianca a Moni Ovadia (Oratorio San Filippo Neri 27 febbraio)

Nato in Bulgaro, cresciuto a Milano, intriso di cultura Yiddish. È un profilo ricco e sfaccettato, quello di Moni Ovadia, cultore della tradizione della propria gente, del proprio popolo. Il cantante e attore ha fatto della ricerca sulle proprie origini il cuore della sua arte, che proporrà questa settimana nella suggestiva cornice bolognese. Attingendo alla tradizione ebraica, costantemente nomade e capace di immergersi in lingue e sonorità differenti, accompagnerà il pubblico alla scoperta di storie e racconti pacifisti, per riflettere sul presente.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Casa di bambola (Teatro Duse 28 febbraio)

Un’esistenza in divenire, quella di una donna, finalmente pronta a spiccare il volo, dopo anni di costrizioni e soprusi, raccontata da una delle penne più incisive dell’Ottocento. Questo è il fulcro del capolavoro di Henrik Ibsen, portato in scena in questo nuovo allestimento da Roberto Valerio. Tra scenografie minimaliste, il regista e interprete romano, insieme alla compagnia Teatri di Pistoia, riporta sulle assi del palcoscenico Nora, madre di famiglia considerata inetta e infantile dal padre e dal marito, e la sua crescita personale. Una lotta all’ultima battuta per liberarsi dal giogo sociale e familiare, come un gioco chiuso in una teca che improvvisamente cerca disperatamente la fuga, che lascerà nel dubbio la platea. A supportare l’attore, qui nei panni del dispotico marito Torvald Helmer, Valentina Sperlì che darà voce e corpo all’eroina, già portata in scena da Eleonora Duse e Alla Nazimova.

DURATA: 120’ senza intervallo.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto seconda galleria mini 16,50 €.

 

Nelle settimane precedenti

– Ricette d’amore (Teatro Dehon 23 – 25 febbraio)

Quattro amiche, un uomo piacente e relazioni clandestine pronte a emergere portando scompiglio nelle loro vite. Parla di amori e amicizia la commedia scritta da Cinzia Berni e diretta da Diego Ruiz, in cartellone questa settimana al Teatro Dehon. Protagonista un quartetto di donne, unite dalla comune passione per la cucina e, si scoprirà nel corso della pièce, per Luca, vicino di casa prestante con il quale nasceranno storie parallele che verranno alla luce in una scoppiettante cena natalizia. Ad animare il palcoscenico con la loro ironia Cinzia Berni, Maria Pia Timo, Roberta Garzia e Francesca Bellucci, con Beppe Convertini a incarnare l’oggetto del desiderio.

ORARI: venerdì 23 e sabato 24 h 21; domenica 25 h 16.

PREZZI: biglietto intero 23 €; biglietto ridotto Coop, Circoli convenzionati, Family Card 19 €; biglietto ridotto Over 65, Carta DOC 17 €; biglietto ridotto Studenti, Comuni Convenzionati 13 €.

 

– Piccoli crimini coniugali (Teatro Duse 23 – 25 febbraio)

L’amore di una vita messo in discussione da un piccolo incidente che, come un battito d’ali, stravolgerà equilibri all’apparenza saldi. È una commedia della parola, quella che Michele Placido ha tratto dal testo di E. Emmanuel Schmitt, tra i più apprezzati commediografi francesi, che porterà al centro della scena la vita coniugale di Gilles (Placido) e Lisa (Anna Bonaiuto). Un rapporto fatto di complicità e tenerezza messo alla prova dalla perdita di memoria di lui, che porterà la coppia a fare i conti con l’estraneità e il dolore dell’assenza. Due protagonisti del panorama italiano pronti a emozionare il pubblico con battute ora dure e trancianti, ora dolci e amorevoli.

DURATA: 100’ senza intervallo.

ORARI: venerdì 23 e sabato 24 h 21.

PREZZI: PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 27 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto seconda galleria mini 16,50 €.

 

– Sogno di una notte di mezza estate (Teatro Il Celebrazioni 23 – 25 febbraio)

Vita e sogno, passato e presente, razionalità e inconscio. Sono questi i poli tra cui si muove questo originale adattamento della nota opera di William Shakespeare, curata nella scrittura e nella regia da Massimiliano Bruno. Un compendio ragionato sull’amore che il regista romano contaminerà sapientemente con elementi della contemporaneità, tra boschi magici e nevrosi della quotidianità. Ponte tra passato e presente che si affiderà alle performance di Stefano Fresi, Giorgio Pasotti, Violante Placido e Paolo Ruffini, pronti a mettersi in gioco e coinvolgere la platea in un percorso divertente e romantico.

ORARI: venerdì 23 e sabato 24 h 21; domenica 25 h 18.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto smart 22 €.

 

– Va pensiero (Teatro Arena del Sole 22 – 25 febbraio)

È un affondo nelle ombre dell’Italia di oggi, dell’Emilia Romagna costretta a gettare la maschera dell’onestà, il nuovo spettacolo della compagnia ravennate Teatro delle Albe. Ispirata alla cronaca dei nostri giorni, quella di un vigile urbano che decide di licenziarsi pur di non macchiarsi di collusione con la criminalità organizzata ormai infiltrata nel tessuro sociale della terra natìa del socialismo e delle cooperative, la drammaturgia di Marco Martinelli e Ermanna Montanari persegue nel tentativo di descrivere una nazione sull’orlo del cambiamento. Attingendo al repertorio risorgimentale di Verdi, con il coro diretto da Stefano Nanni si esibirà in alcuni estratti, l’ensemble romagnolo rifletterà con la platea di democrazia e giustizia, valori fondativi della patria in crisi.

ORARI: giovedì 22 e venerdì 23 h 21; sabato 24 h 19.30; domenica 25 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Tper 22,40 €; biglietto platea ridotto Ert 19,60 €; biglietto platea ridotto Under 29 15,12 €; biglietto palco e palco reale intero 23,52 €; biglietto palco e palco reale ridotto Coop, Conad, Tper, Ert 17,92 €; biglietto palco e palco reale ridotto Under 29 11,50.

 

– Between me and p. (Atelier Sì 23 e 24 febbraio)

Il vuoto di una scomparsa, la ricostruzione della memoria e il tentativo di comprenderne i perché. Il performer Filippo Michelangelo Ceredi attinge ai propri ricordi, al dolore per la scomparsa del fratello Pietro che, all’età di 22 anni decise di andarsene, senza dare spiegazioni. A trent’anni da quell’evento, avvenuto quando l’attore aveva appena cinque, Ceredi lo porta in scena, in un tentativo catartico di dare corpo a quell’assenza, raccontandola e condividendola con il pubblico.

ORARI: venerdì 23 h 19.30; sabato 24 h 21.

PREZZI: biglietto intero 10 €; biglietto ridotto Studenti, Card Musei Metropolitani Bologna 7 €.

 

– Break the tango (Teatro Il Celebrazioni 21 febbraio)

La passione del tango e l’esplosività della break dance, i sobborghi argentini e i quartieri statunitensi si incontrano finalmente sul palco, in un appuntamento che promette di coinvolgere il pubblico. Sono questi gli ingredienti dello spettacolo di ballo creato e diretto da German Cornejo, tanghero campione del mondo in coppia con Gisela Galeassi, con lui sul palco felsineo. Un mix inatteso che si avvarrà di un cast di performer provenienti da tutto il mondo, tra cui l’italiano Jonathan Anzalone, pronto a scatenarsi sulle musiche eseguite dal vivo dalla band condotta da Ovidio Velazquez. Per gli appassionati a tutto tondo di danza un appuntamento da non perdere, che ha già fatto furore in tutto il contintente, da Berlino a Parigi, passando per l’Austria e la Svizzera.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto I platea 45 €; biglietto II platea 39 €; biglietto balconata 33,50 €.

 

– Porrajmos – Memoria e musica romanì (Teatri di Vita 21 febbraio)

Tradizione e radici, musica e canto di una cultura da scoprire e recuperare. È interamente dedicato al popolo Rom il concerto-recital di Alexian, il progetto che il musicista Santino Spinelli presenterà presso Teatri di Vita. Portavoce della lingua romanì, lo studioso guiderà il pubblico in un viaggio attraverso i confini e le frontiere dell’Europa di ieri e di oggi, che affonda le radici nell’oralità ricca di memoria, di suoni e ritmi che narrano di sofferenze e conquiste di una popolazione. Una band di alto livello che punta a dare risalto e dignità alla storia millenaria e non riconosciuta degli “zingari”, dall’emigrazione dall’India del Nord al genocidio perpetrato dal regime nazista, da cui l’intero spettacolo prende il nome.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto Convenzioni, +65, 13 €; biglietto Under 30 9 €.

 

– La vedova scaltra (Teatro Dehon 21 febbraio)

Un tuffo nell’arte teatrale del Settecento per incontrare uno dei personaggi femminili più dirompenti usciti dalla penna di Carlo Goldoni. Scritto nel 1784, il testo del genio veneziano ruota attorno alle figura di Rosaura e alla scelta del suo futuro marito, tra ricerca della verità e spirito di intraprendenza, imposizioni paterne e libertà da conquistare. Un personaggio fatto di scaltrezza e forza, di risolutezza che ricorda le donne di oggi a cui darà corpo e voce Isabella Caserta, interprete e regista – insieme a Jana Balkan – di questa nuova sortita felsinea nella Commedia dell’Arte. Ad arricchire l’allestimento i costumi di Mariana Berdeaga e dalle musiche, eseguite dal vivo.

ORARI: h 21

PREZZI: biglietto intero 23 €; biglietto ridotto Coop, Circoli Convenzionati, Family Card 19 €; biglietto ridotto Over 65, Carta Doc 17 €; biglietto ridotto Studenti, Comuni Convenzionati 13 €.

 

– Una vita da Arlecchino (Teatro Comunale Laura Betti 20 febbraio)

Simbiosi perfetta tra scena ed esistenza, quella portata avanti da Ferruccio Soleri in cinquantaquattro anni. Una maschera, l’Arlecchino portato in giro per quasi tremila repliche, che l’interprete fiorentino classe ‘29 indosserà e sfilerà nuovamente sul palcoscenico casalecchiese per raccontare una vita ricca e avventurosa. Dalla formazione nella città natale all’incontro con Giorgio Streheler, che gli affidò nel ‘63 il ruolo che lo ha reso celebre, la scrittura di Yannis Hott metterà metterà al centro la vita di un uomo votato al teatro tra proiezioni, storie, memorie, dirette da Maria Mattia Giorgetti.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto platea intero 17,92 €; biglietto platea ridotto, Feltrinelli 16, 24 €; biglietto platea giovani 10,08 €.

 

– Enricomincio da me (Teatro EuropAuditorium 19 e 20 febbraio)

Fortuna, destino o esito di scelte consapevoli? Sono queste le domande che Enrico Brignano si pone nello spettacolo in calendario questa settimana tra i portici felsinei. Dagli esordi teatrali al fianco di Gigi Proietti al successo televisivo in prima serata, passando per il cinema – è stato recentemente protagonista di Poveri ma ricchissimi -, tre decenni di carriera vissuti sulla cresta dell’onda e messi, per l’occasione, sotto la lente di ingrandimento dal comico romano. A fare da spalla all’attore, tra numeri musicali e magici scenari, saranno Ettore Massa, Pasquale Bertucci e Michele Marra, per una doppia serata votata al divertimento.

ORARI: lunedì 19 e martedì 20 h 21.

PREZZI: biglietto I platea intero 57 €; biglietto I platea bambino 25 €; biglietto II platea intero 51,50 €; biglietto II platea bambino 25 €; biglietto balconata intero 40,50 €; biglietto balconata bambino 15 €.

 

– La classe operaia va in paradiso (Teatro Arena del Sole 14 – 18 Febbraio)

È tratto dal capolavoro diretto da Elio Petri – scritto dal regista insieme al fidato Ugo Pirro – il nuovo spettacolo che Claudio Longhi proporrà questa settimana all’Arena del Sole. Un film scomodo, quello che il regista romano diresse nel 1971, capace di suscitare all’estero plausi direttamente proporzionali alle feroci proteste provenienti dalla destra e dalla sinistra italiana. Rappresentazione di un mondo operaio svincolato dagli stereotipi ideologici del tempo,  viene ripresa dal direttore dell’Emilia Romagna Teatro Fondazione per raccontare un presente lavorativo tanto lontano dalle fabbriche cottimiste quanto vicino all’alienazione consumistica e spersonalizzante del Lulù Massa di Gian Maria Volontè. Un lavoro curato nella drammaturgia da Paolo Di Paolo, partito dalla sceneggiatura arricchendola di suggestioni letterarie provenienti dalla letteratura degli anni Sessanta e Settanta, che vedrà sul palco un ricco cast, da Lino Guanciale a Donatella Allegro.

DURATA: 150’ con intervallo.

ORARI: da mercoledì 14 a venerdì 16 h 21; sabato 17 h 19.30; domenica 18 h 16.

PREZZI: biglietto palco e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco e barcaccia ridotto Coop, Conad, Tper, Ert 17,92 €; biglietto palco e barcaccia ridotto Under 29 11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Tper, Ert 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 29 8,50 €.

 

– El Tango (Teatro Duse 15 febbraio)

Sinonimo di passione e sensualità, ritratto di una città, Buenos Aires, e dei suoi quartieri dal Novecento ai giorni nostri. C’è tutto questo nello spettacolo di danza che il coreografo Roberto Herrera porterà sulle assi del teatro felsineo. Dalle sonorità classiche della musica ciudadana al Tango Nuevo di Astor Piazzolla, passando per le milonghe della capitale, saranno otto i ballerini che accompagneranno il pubblico in questo viaggio accorato nella storia della danza che ha reso l’Argentina protagonista nel mondo. A Marilì Machado il compito di accompagnare con la sua voce i movimenti ritmici, supportata dall’orchestra Lo que vendra, per una serata unica, che promette di emozionare il pubblico in sala.

DURATA: 120’ con intervallo.

ORARI: h 21.

COSTI: biglietto platea intero 36,60 €; biglietto platea ridotto 33 €; biglietto platea mini 31 €; biglietto prima galleria e palchi intero 29,50 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 27 €; biglietto prima galleria e palchi mini 25 €; biglietto seconda galleria intero 25 €; biglietto seconda galleria ridotto 23 €; biglietto seconda galleria mini 21 €.

 

– Racconti dalla furia e dal ritorno (Teatro delle Moline 14 – 18 Febbraio)

Un museo senza luogo e tempo, senza visitatori fino a quando il mondo esterno, tragico e disastrato non lo invade. Questo è il cuore del nuovo progetto teatrale dell’Amorevole Compagnia Pneumatica, diretto da Riccardo Paccosi e scritto dal regista insieme all’interprete Salvo Quinto. Mescolando frammenti dell’epica omerica alle storie dei senza dimora del Centro di Accoglienza Giuseppe Beltrame, attori professionisti – oltre a Quinto anche Francesca Fuiano – e non, sul palco prenderà forma l’incontro tra passato e presente, vita reale e scrittura scenica. Uno sguardo sull’oggi che punta a non lasciare lo spettatore indifferente.

ORARI: da mercoledì 14 a venerdì 16 h 20.30; sabato 17 h 20; domenica 18 h 16.30.

COSTI: biglietto intero 14,56 €; biglietto ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, Ert 10,50 €; biglietto ridotto Under 29, Lav Pens, Doc 7,50 €.

 

– Bukurosh, mio nipote (Teatro Il Celebrazioni 16 – 18 Febbraio)

Tornano le vicende dei Suoceri Albanesi, interpretati nelle oltre duecento repliche da Francesco Pannofino e Emanuela Rossi, con il loro corollario di personaggi diversissimi e divertenti. Dal consigliere comunale con idee progressiste Lucio alla cuoca sperimentatrice Ginevra, passando per il pensionato colonnello omosessuale Corrado e per Igli, proprietario albanese di un’impresa edile, un secondo incontro con l’umanità varia e articolata descritta da Gianni Clementi, che non mancherà di far ridere e riflettere. Ad affiancare i due campioni dello spettacolo italiano saranno Andrea Lolli, Silvia Brogi, Maurizio Pepe, Filippo Laganà ed Elisabetta Clementi, che si muoveranno sul palcoscenico condotti dal regista Claudio Boccaccini.

ORARI: venerdì 16 e sabato 17 h 21; domenica 18 h 18.

COSTI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto smart 22 €.

 

– SSKK – Santo Subito + Kova Kova (Teatri di Vita 16 – 18 Febbraio)

Uno sguardo sull’arte e sulla società che la rifiuta, sulla solitudine creativa e sulle contraddizioni della famiglia e della nazione. Questo e molto altro è presente nello spettacolo che il collettivo SCHLAB ha tratto da Sterminio, uno dei Drammi Fecali che hanno rivelato il compianto Werner Schwab come il cantore più lucido dell’Austria razzista e di destra ora al potere. Tre quadri dominati da quattro personaggi –  un giovane artista e la tragedia interpretati da Gabriele Falsetta e le due gemelle della piccola borghesia a cui danno corpo e voce Valeria Belardelli e Arianna Pozzoli – per raccontare le dicotomie del presente, tra forza creatrice e potenza distruttrice, in un costante dialogo tra maschile e femminile. A curare la regia Dante Antonelli.

ORARI: venerdì 16 h 21; sabato 17 h 20; domenica 18 h 17;

COSTI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto Convenzioni, Over 65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– I Malavoglia (Teatro Duse 16 – 18 Febbraio)

Capolavoro assoluto della letteratura italiana, il romanzo verista di Giovanni Verga torna a nuova vita in questo allestimento dell’Associazione Culturale ABC. Puntando la lente di ingrandimento sugli eventi salienti della Famiglia Toscano di Acitrezza, l’adattamento curato da Micaela Miano porterà al centro della scena il destino immutabile di ‘Ntoni e Padron ‘Ntoni, i loro tentativi di guadagnarsi un nuovo posto nel mondo verghiano violento e inospitale. Diretto da Guglielmo Ferro, lo spettacolo farà immergere il pubblico nelle atmosfere ancestrali di una Sicilia senza tempo, grazie alle scenografie ispirate all’iconografia isolana tra le quali si muoveranno gli interpreti di un dramma sempre attuale.

DURATA: 120’ con intervallo.

ORARI: venerdì 16 e sabato 17 h 21; domenica 18 h 16.

COSTI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto seconda galleria mini 16,50 €.

– Il padre (Teatro Arena del Sole 8 – 11 febbraio)

A distanza di un anno dall’ultima sortita felsine, con L’uomo dal fiore in bocca…e non solo di Pirandello, Gabriele Lavia torna a calcare le assi del palcoscenico bolognese con una delle tragedie più amate di August Strindberg. Tra i nomi più apprezzati del panorama nazionale, l’attore e regista milanese vestirà i panni del “Capitano”, il rigido protagonista fedele alla scienza, che si troverà a dover duellare a suon di battute con la propria moglie, interpretata da Federica Di Martino, per la gestione dell’educazione dell’amata figlia. Tra dubbi disperanti sull’effettiva paternità e crisi dei valori familiari, il nuovo allestimento del dramma datato 1887 – prima incursione nel teatro naturalista del drammaturgo svedese – guiderà gli spettatori alla scoperta di un uomo il cui potere viene scalfito nelle sue certezze, spinto sull’orlo di una tragica fine. Una guerra dei sessi che svelerà le fragilità di una casa costruita sulla menzogna.

DURATA: 150’ con intervallo.

ORARI: giovedì 8 e venerdì 9 h 21; sabato 10 h 19.30; domenica 11 h 16.

PREZZI: platea intero 28€; platea ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 22,40€; platea ridotto ERT 19,60€; platea ridotto Under 29 15,12€; palco, palco reale e barcaccia intero 23,52€; palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, ERT 17,92€; palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 29 11,50€; galleria e barcaccia intero 13,50€; galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, ERT 10,50€; galleria e barcaccia ridotto Under 29 8,50€.

– Quasi Grazia (Teatro Comunale Laura Betti 9 febbraio)

Tre atti per raccontare la vita di una dell’unica vincitrice italiana del Nobel per la letteratura. È interamente dedicato a Grazia Deledda, scrittrice sarda insignita del massimo riconoscimento letterario al mondo, il testo di Marcello Fois che andrà in scena questa settimana al teatro casalecchiese, con la regia curata da Veronica Cruciani. Dal trasferimento da Nuoro a Roma, all’età di ventinove anni, fino alla malattia letale, passando per il viaggio verso la capitale svedese, tre episodi in cui a interpretare l’autrice di Canne al vento sarà Michela Murgia, chiamata per la prima volta a vestire i panni di una delle figure femminili meno conosciute del panorama letterario nazionale. Ad accompagnarla in questa sfida teatrale saranno Lia Careddu, Valentino Mannias, Marco Brinzi.

ORARI: h 21.

PREZZI:

 

– Sento la terra girare (Teatro Il Celebrazioni 9 – 11 febbraio)

Come sopravvivere a un mondo che sta cambiando? Come invertire una tendenza alla distruzione del nostro pianeta? Sono queste le domande alle quali Teresa Mannino – cabarettista lanciata da Zelig – cercherà di dare una risposta con il suo nuovo spettacolo in cartellone durante il fine settimana. Immaginando di uscire dall’armadio in cui ha vissuto per anni, isolata da tutto, l’attrice si troverà a fare i conti con un evento che la sconvolgerà: l’asse terrestre si sta spostando a causa dello scioglimento dei poli! Una cavalcata tutta da ridere tra strategia di resistenza, da mettere in atto per impedire i cambiamenti che l’uomo ha imposto alla terra, e riflessioni sul nostro futuro.

ORARI: venerdì 9 e sabato 10 h 21; domenica 11 h 18

COSTI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto smart 22 €.

 

– Sorelle Materassi (Teatro Duse 9 – 11 febbraio)

La periferia fiorentina, le esistenze di tre sorelle attempate e l’arrivo di un nipote che le sconvolgerà. Sono questi gli ingredienti dello spettacolo che Geppy Gelijeses presenterà questa settimana nella suggestiva cornice del teatro bolognese. Tratto dal romanzo di Aldo Palazzeschi, il testo adattato per l’occasione da Ugo Chiti – tra i più rinomati sceneggiatori e drammaturghi della sua generazione – darà la possibilità al pubblico in sala di entrare nel mondo complesso e ironico di una delle penne più argute della letteratura del Novecento, capace di mescolare tragedia e commedia, grottesco e bassa quotidianità. A impreziosire l’allestimento sarà inoltre la presenza di Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati, signore del teatro che daranno corpo e voce alle protagoniste.

ORARI: venerdì 9 e sabato 10 h 21; domenica 11 h 16.

COSTI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 27 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto seconda galleria mini 16,50 €.

 

– Mamma Mia! (Teatro EuropAuditorium 9 – 11 febbraio)

Un’isola in mezzo al mare della Grecia, un matrimonio alle porte e una futura sposa alla ricerca del padre, il tutto al ritmo della canzoni degli Abba. Torna nei teatri italiani il musical che ha stregato mezzo mondo, portato sul grande schermo da Meryl Streep e entrato nell’immaginario collettivo grazie alle musiche del quartetto scandinavo e al libretto di Catherine Johnson. Un nuovo allestimento tutto nostrano firmato da Massimo Romeo Piparo che avrà il compito di dirigere un cast ricco di stelle, con Luca Ward, Paolo Conticini e Sergio Muniz a vestire i panni degli amori giovanili di Donna, interpretata dalla veterana Sabrina Marciano, e possibili padri di Sophie, a cui darà voce e anima Eleonora Facchini. Oltre trenta i performer che animeranno la scena, grazie alle coreografie di Roberto Croce e all’accompagnamento dell’orchestra condotta da Emanuele Friello, per uno spettacolo che difficilmente non farà muovere gli spettatori.

ORARI: venerdì 9 h 21: sabato 10 h 16 e h 21; domenica 11 h 16.30.

COSTI: biglietto I platea intero 49 €; biglietto I platea ridotto 44 €; biglietto I platea bambino 25 €; biglietto II platea intero 38 €; biglietto II platea ridotto 33 €; biglietto II platea bambino 25 €; biglietto balconata intero 33 €; biglietto balconata ridotto 29 €; biglietto balconata bambino 15 €.

 

– B.L.U.E. Il musical completamente improvvisato (Teatro Dehon 11 febbraio)

Raccogliere gli stimoli provenienti dalla platea e, partendo da questi, improvvisare  un musical diverso. Questa è la sfida che ogni sera accetta la compagnia dei Bugiardini, una delle realtà più affermate nel campo dell’improvvisazione scenica. Accompagnati dalla band capitanata da Fabio Pavan, l’ensemble di improvvisatori composto da Fabrizio Aloisi, Emanuele Ceripa, Cecilia Fioriti, Francesco Lancia, Andrea Laviola, Fabrizio Lobello, Tania Mattei, Fulvio Maura, Simona Pettinari e Mauro Simolo prenderanno spunto dal pubblico per costruire una storia da cantare e ballare, mescolando storie d’amore e personaggi accattivanti.

ORARI: h 21.

COSTI: biglietto intero 23 €; biglietto ridotto Coop, Circoli Convenzionati, Family Card 19 €; biglietto ridotto Over 65, Carta Doc 17 €; biglietto ridotto Studenti, Comuni Convenzionati 13 €.

 

– Gioie e dolori nella vita delle giraffe (Teatro Arena del Sole 30 gennaio – 8 febbraio)

Una bambina troppo alta e un capriccio da soddisfare, attraversando una giungla d’asfalto contemporanea. È una sorta di Mago di Oz immerso nella post-drammaticità, lo spettacolo che il regista Teodoro Bonci del Bene, insieme alla sua compagnia riminese Big Action Money, ha tratto dal testo di Tiago Rodrigues. Originariamente ambientato per le strade di Lisbona, il testo dello scrittore portoghese – tradotto in italiano da Vincenzo Arsillo – racconta della novenne Giraffa, figlia di uno scrittore in crisi economica e chiamata così dalla madre scomparsa perché troppo alta, e del suo percorso fatto di incontri, risate e rivelazioni, ferite. Tra riferimenti alle periferie underground britanniche e alla cultura hip hop di New York, rottura delle norme sociali e sopravvivenza in un mondo incentrato esclusivamente sul singolo, la pièce offrirà una riflessione sul presente.

DURATA: 90’.

ORARI: da martedì 30 gennaio a venerdì 2 febbraio e da martedì 6 a giovedì 8 febbraio h 20.30; sabato 3 febbraio h 20; domenica 4 febbraio h 16.30.

PREZZI: biglietto platea e palco intero 16,80 €; biglietto platea e palco ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, Ert 12,50 €; biglietto platea e palco ridotto Under 29 8,50 €.

 

– L’anatra all’arancia (Teatro Duse 2 – 4 febbraio)

Un uomo e una donna, un matrimonio lungo venticinque anni sull’orlo della fine e il tentativo tragicomico di lui per riconquistarla. Questo è il cuore della commedia che Luca Barbareschi porterà sul palco del teatro felsineo, con la complicità di un cast di alto livello, da Chiara Noschese a Ernesto Mahieux. Reso celebre sul grande schermo dall’omonimo film con Ugo Tognazzi e Monica vitti, il testo di William Douglas Home – adattato in francese da Marc Gilbert Sauvajon – narra le vicende coniugali di Gilberto, marito egoista e traditore, e Lisa, moglie tanto stufa del trattamento riservatole dal marito da tradirlo con il russo Volodia, e dello stratagemma messo in piedi dal primo per rientrare nelle grazie della seconda. In un susseguirsi di battute e capovolgimenti, tra una segretaria geniale quanto idiota e un cameriere interdetto ma salvifico, lo spettacolo promette di far ridere senza freni il pubblico con una storia d’amore universale nella sua comicità.

ORARI: venerdì 2 e sabato 3 h 21; domenica 4 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto galleria seconda mini 16,50 €.

 

– Una festa esagerata! (Teatro Il Celebrazioni 2 – 4 febbraio)

Un condominio come metafora della piccola borghesia, animato da inquilini all’apparenza solidali ma capaci, alla prima occasione, di bassezze e meschinità. Da qui parte Vincenzo Salemme – qui autore, regista e interprete – per raccontare quella parte di società alla quale si sente di appartenere. Con il suo stile collaudato e rassicurante, il poliedrico attore napoletano scaverà nell’animo delle persone normali per far emergere contraddizioni e dubbi, senza però abbandonare la risata, suo marchio di fabbrica. Ad accompagnarlo sul palco bolognese, dopo i successi al Teatro Sistina, un ricco cast composto da Nicola Acunzo, Vincenzo Borrino, Antonella Cioli, Sergio D’Auria, Teresa Del Vecchio, Antonio Guerriero, Giovanni Ribò e Mirea Flavia Stellato, per una commedia che punta a tracciare un affresco sfaccettato del presente contraddittorio.

ORARI: venerdì 2 e sabato 3 h 21; domenica 4 h 18.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto smart 22.

 

– Il giorno di un Dio (Teatro Arena del Sole 1 – 4 febbraio)

A cinque secoli dal gesto che rivoluzionò il cristianesimo, Cesare Lievi porta a teatro le tensioni e i cambiamenti generati dalle 95 tesi che Martin Luther affisse a Wittenberg. Dodici tracce in equilibrio tra passato e presente che, giocando e dialogando costantemente, daranno il via a nuovi quesiti, per cercare di indagare cosa è rimasto oggi di quella svolta, quanto influenza ha ancora sulle sorti di un mondo proiettato verso il futuro. A muoversi tra le scenografie di Maurizio Balò un ensemble di attori provenienti dall’Italia e dalla Germania che indosserà i costumi realizzati da Birgit Hutter e sarà accompagnato dalle musiche di Mauro Montalbetti.

DURATA: 110’.

ORARI: giovedì 1 e venerdì 2 h 21; sabato 3 h 19.30; domenica 4 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 28€; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 22,40€; biglietto platea ridotto ERT 19,60€; biglietto platea ridotto Under 29 15,12€; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52€; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, ERT 17,92€; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 29 11,50€; biglietto galleria e barcaccia intero 13,50€; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, ERT 10,50€; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 29 8,50€.

Etichette: