Pubblicato in: Teatro

Spettacoli a Bologna in autunno: dall’ITC al Dehon

spettacoli bologna autunno 2019
Kalinka

Con l’inizio dell’autunno si avvicina l’inizio ufficiale della stagione teatrale felsinea, tra musical, prosa e sperimentazione. Un calendario ricco di appuntamenti per tutti i gusti che darà filo da torcere a tutti gli appassionati e tutte le appassionate di teatro. Per non perdersi nulla ecco il nostro spiegone teatro con gli spettacoli a Bologna in autunno.

 

Spettacoli a Bologna in autunno

 

– Amleto – I dardi dell’avversa fortuna (Teatro Dehon 15 – 17 ottobre)

Un testo denso, capace di mescolare tragedia, commedia, amore, morte, che incontra un ensemble corale. Da qui parte la sfida raccolta da Alessandra Cortesi, regista e drammaturga dello spettacolo in scena sotto le Due Torri questa settimana. I versi di William Shakespeare si fonderanno con gesti e movimenti, divenendo frammenti di un discorso ampio e sfaccettato, tra sette Amleti, sette Ofelie, sette angeli custodi, cinque Gertrudi e una Pazzia multiforme. 

ORARI: martedì 15, mercoledì 16 e giovedì 17 h 21.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonati, Under 18 e comuni convenzionati 14 €. 

 

– La fisarmonica verde (Teatri di Vita 19 ottobre)

Alla scoperta della vita segreta di un padre, tra campi di concentramento, emozioni, una guerra devastante e una fisarmonica verde. Andrea Satta attinge alla sua biografia familiare in questo viaggio andata e ritorno dalla Sardegna alla Germania. Un uomo comune, il Gavino “Esse” al centro del monologo scritto, diretto e interpretato dal frontman dei Têtes de Bois, che accompagnerà il pubblico nel lager di Lengenfeld dove si consumò la strage commessa da Joseph Hartmann. Tra oggetti ed emozioni, musiche – quelle degli stessi Têtes de Bois – e parole, un viaggio nelle maglie più intime di un uomo. 

ORARI: h 20.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto convenzioni, over 65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Arizona – Una tragedia musicale americana (Teatro Arena del Sole 19 – 27 ottobre)

Una coppia americana, un’umanità desertificata e un futuro distopico che fa capolino in un presente intollerante. Sono questi gli ingredienti del dramma diretto e interpretato da Fabrizio Falco insieme a Laura Marinoni, in cartellone all’Arena del Sole di Bologna. Tratto dal testo dello scrittore spagnolo Juan Carlos Rubio, lo spettacolo farà immergere la platea nelle atmosfere surreali vissute da George, uomo americano tutto d’un pezzo, e Margaret, fan sfegatata di Julie Andrews, chiamati dal progetto Minute Man a difendere i confini statunitensi dagli invasori messicani. Un percorso in costante bilico tra commedia e dramma, realismo e finzione.

DURATA: 70’.

ORARI: sabato 19 e sabato 26 h 20; domenica 20 e domenica 27 h 16.30; da martedì 22 a venerdì 25 h 20.30.

PREZZI: biglietto platea e palco intero 16,80 €; biglietto platea e palco ridotto Coop, Conad, Over 60, TPER, Card Musei 12,50€; biglietto platea e palco ridotto Under 35, Lav Pens, ERT, Studenti Universitari 8,50 €.

 

– Kalinka – Il Circo Russo come non l’avete mai visto (ITC Teatro 20 ottobre)

Alla scoperta del circo e della clownerie, attraverso momenti poetici, ludici e teneri al contempo. Ferdinando “Nando” D’Andria e Maila Sparapani tornano sulla scena con i loro numeri acrobatici e le loro imperdibili gag per spettatori e spettatrici di tutte le età. Al centro di questa nuova avventura sarà la coppia sgangherata composta da un impresario sui generis e da una primadonna del circo russo. E sarà proprio l’arte circense delle lontane terre rutene il filo conduttore di una performance che punterà al coinvolgimento diretto della platea.

ORARI: domenica 20 h 16.30 e h 18.30.

PREZZI: biglietto persone adulte 8 €; biglietto bambini e bambine 6 €.

 

Nelle settimane precedenti

 

– Instrument Jam (Teatro Comunale di Bologna 24 settembre)

La summa dell’arte coreutica nazionale chiamata a interpretare lo spirito più fiero della Sicilia. Questo è il cuore dello spettacolo di danza contemporanea diretto e coreografato da Roberto Zappalà. Sette performer della Compagnia Zappalà Danza si muoveranno al ritmo dei tamburi di Arnaldo Vacca, che incontreranno gli scacciapensieri di Puccio Castrogiovanni e lo hang di Marco Selvaggio, per raccontare un’isola ricca di cultura e storia e aperta al mondo. Un appuntamento inserito nel programma di Bologna Modern. Festival per le musiche contemporanee.

ORARI: martedì 24 e mercoledì 25 settembre h 20.30.

PREZZI: biglietto platea intero 26,25 €; biglietto platea ridotto Under 30 15,75 €; biglietto palco centrale I e II ord. intero 26,25 €; biglietto palco centrale I e II ord. ridotto Under 30 15,75 €; biglietto palco centrale III e VI ord. e palco laterale I e II ord. intero 21 €; biglietto palco centrale III e VI ord. e palco laterale I e II ord. Under 30 € 10,50; biglietto palco laterale III e VI ord. intero 15,75 €; biglietto palco laterale III e VI ord. Under 30 10,50 €.

 

– La storia addosso. Un viaggio in città con il corpo (Cimitero della Certosa 24 settembre)

Corpi plastici, custodi di memorie e storie personali, che si intrecciano con i percorsi e le strade della città. Da qui parte lo spettacolo ideato da Fabio Fornasari in collaborazione con Gruppo Elettrogeno che andrà in scena nel suggestivo scenario del cimitero felsineo. Un viaggio fatto di geografie sensoriali, concrete e immaginarie al contempo, in cui fisicità e ricordi si fonderanno. Il progetto è curato dalla Cooperativa Sociale Accaparlante con l’Istituto dei Ciechi “Francesco Cavazza” e Fondazione Gualandi A Favore dei Sordi.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: biglietto unico 10 €.

 

– Reading dall’Odissea: per i migranti d’oggi (Piazza Verdi 26 settembre)

Un salto nell’epica achea per raccontare un presente di migrazioni. Questo promettono di portare sul palco estivo della centralissima piazza universitaria Enzo Vetrano e Stefano Randisi, in occasione del benvenuto a tutte le matricole del nuovo anno accademico. Un itinerario tutto da vivere, quello proposto dai due autori e interpreti, che mescolerà le narrazioni omeriche con le storie contemporanee, intervallate dagli interventi di docenti e studenti dell’Università di Bologna.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto gratuito.

 

– Credevo che (o della violenza domestica) (Oratorio San Filippo Neri 5 ottobre)

Musica e parole per raccontare la violenza più subdola, quella agita tra le mura domestiche, che dovrebbero proteggere e che invece si trasformano in prigioni. Questi sono gli strumenti che Simonetta Agnello Hornby e Filomena Campus adotteranno nello spettacolo in scena questa settimana nel suggestivo spazio bolognese. Partendo dalla propria esperienza londinese di avvocata per i diritti delle donne, la scrittrice siciliana unirà il suo talento alla musicista jazz per delineare uno scenario sfaccettato che aprirà nuovi spazi di ragionamento e riflessione.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Viaggio nella scatola magica (Teatro Duse 2 ottobre)

Cosa si cela dietro le quinte del palcoscenico e nelle viscere del teatro? A questa domanda proverà a dare una risposta coinvolgente ed esaustiva lo spettacolo ideato da Anissa Sala e realizzato da Marco Cavallaro. Una visita guidata che si farà drammaturgia, fatta di verità e immaginazione, aneddoti e racconti, al seguito di Flavia Bakiu e Andrea Ramosi, i due attori in scena, e Marco De Barba, macchinista prestato al palcoscenico, pronti ad accompagnare il pubblico oåltre la quarta parete.

ORARI: h 20.

PREZZI: biglietto unico 12 €.

 

– Obbligo di (in)fedeltà (Teatro Dehon 4 – 6 ottobre)

Un mondo patinato e glamour messo alle strette e smascherato di tutte le sue ipocrisie. Questo è lo scenario su cui si staglia la commedia nera che apre la stagione 2019/2020 del Teatro Dehon. Scritta da Piero Ferrarini e diretta da Guido Ferrarini la pièce aprirà uno squarcio su Hollywood e sui meccanismi malsani che lo portano avanti, attraverso le vicende del produttore Paul Monassier, costretto a vivere una serie di eventi paradossali, tra attrici prive di talento e attori sponsorizzati dalla mafia italo-americana. Un ritratto crudo e acido, al contempo divertente e intriso di un umorismo nero che promette di travolgere la platea felsinea.

ORARI: venerdì 4 e sabato 5 ottobre h 21; domenica 6 ottobre h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonamenti, under 18 e comuni convenzionati 14 €.

 

– Marrocchinate (Piazza Verdi 9 ottobre)

Una memoria sepolta, fatta di dolori e tragedie, di corpi violati, da riportare alla luce Questo è l’obiettivo dello spettacolo scritto da Simone Cristicchi e Ariele Vincenti, questa settimana in scena nella centralissima piazza della zona universitaria felsinea. Diretto da Nicola Pistoia, il testo getterà luce sulle vicende della primavera del ‘44 che videro protagoniste le donne della Ciociaria, vittime delle violenze perpetrate dalle truppe marocchine Alleate. Una pièce che darà voce ad Angelino, pastore locale, e a sua moglie Angelina, le cui parole saranno accompagnate dalle musiche composte da Marcello Corvino ed eseguite dal vivo.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Il Maestro e Margherita (Teatro Duse 11 – 13 ottobre)

I tormenti dello spirito, della psiche e della carne sono al centro di uno dei romanzi più iconici del secolo scorso, pronto a tornare a teatro grazie alla riscrittura di Letizia Russo. Il libro di MIchail Bulgakov è infatti alla base dello spettacolo che vedrà protagonista MIchele Riondino, pronto a vestire i panni del diavolo Woland, venuto sulla terra a seminare scompiglio nella vita del Maestro, scrittore misterioso, e della sua amata Margherita. Ad accompagnarlo sul palco un folto cast capitanato da Francesco Bonomo e  Federica Rosellini. 

DURATA: 180’.

ORARI: venerdì 11 e sabato 12 h 21; domenica 13 h 18.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto galleria e palchi intero 25 €; biglietto galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto galleria e palchi mini 20,50 €; prima galleria intero 21 €; prima galleria ridotto 19 €; prima galleria mini 18 €; seconda galleria intero 21 €; seconda galleria ridotto 19 €; seconda galleria 18 €.  

 

– Cirque du Soleil – Corteo (Unipol Arena 9 – 13 ottobre)

La magia del circo e dei suoi personaggi torna alle porte di Bologna, grazie al talento del Cirque du Soleil. L’ensemble internazionale proporrà infatti nel palazzetto di Casalecchio di Reno lo spettacolo incentrato su una parata funebre nata dalla fantasia di un clown. Un contrappunto di forme e movimenti, dimensioni e sentimenti che punterà a coinvolgere il pubblico bolognese anche attraverso musiche gioiose e scenografie dipinte a mano.

ORARI: mercoledì 9 ottobre, giovedì 10 ottobre, venerdì 11 ottobre e sabato 12 ottobre h 20.30; sabato 12 ottobre h 16.30. domenica 13 ottobre h 13.30 e h 17.30.

PREZZI: biglietto 1 settore numerato intero 95,45 €; biglietto 2 settore numerato intero 83,95 €; biglietto 3 settore numerato intero 70, 15 €; biglietto 4 settore numerato 51,75 €.

 

– Canto per Europa: viaggio in musica e parole alle origini dell’Occidente (Teatro Arena del Sole 11 – 13 ottobre)

Un continente e il suo mito fondativo, tra linguaggi differenti e complementari. Sarà un viaggio attraverso l’Europa quello ideato da Igor Coretti Kuret e Paolo Rumiz partendo proprio dai versi e dai brani composti dal giornalista e scrittore triestino. La rilettura del rapimento della principessa fenicia Europa da parte di Giove e della sua fuga lungo il Mediterraneo sarà accompagnata dalle musiche dei massimi compositori europei, da Ravel a Beethoven, interpretate dalla European Spirit of Youth Orchestra – ESYO, ensemble giovanile internazionale diretto Coretti Kuret. 

DURATA: 100’.

ORARI: venerdì 11 ottobre h 21; sabato 12 ottobre h 19.30; domenica 13 ottobre h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Over 60, TPer 22,40 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 13,50 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, TPer 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia Under 35, Studenti universitari, ERT 11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, TPer 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 8,50 €. 

 

– Niente è come sembra (Teatro Dehon 11 – 13 ottobre)

La Ville Lumière, una coppia di uomini innamorati e improvvisamente costretti a rivedere la propria esistenza per un’ostilità burocratica. Lo spettacolo scritto da Piero Ferrarini e diretto da Guido Ferrarini promette di travolgere con una serie di personaggi e situazioni tutta da ridere gli spettatori e le spettatrici felsinee. Tra funzionari omofobi, zii dalla ricca eredità e gag paradossali, il cast composto da Alessandro Fornari, Aldo Sassi, Federica Tabori, Andrea Zacheo e Martina Valentini Marinaz animerà il palcoscenico del Dehon nel corso del fine settimana.

ORARI: venerdì 11 e sabato 12 ottobre h 21; domenica 13 ottobre h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonamenti, under 18 e comuni convenzionati 14 €.

Etichette: