Pubblicato in: Teatro

Spettacoli a Bologna in autunno: dal Teatro EuropAuditorium al Celebrazioni

spettacoli bologna autunno 2019
Un borghese piccolo piccolo

Un calendario ricco di appuntamenti per tutti i gusti, quello in programma in autunno sotto le Due Torri, pronto a dare filo da torcere a tutti gli appassionati e tutte le appassionate di teatro. Per non perdersi nulla ecco il nostro spiegone teatro con gli spettacoli a Bologna in autunno.

 

Spettacoli a Bologna in autunno

– F. Perdere le cose (Teatro Arena del Sole 5 – 15 dicembre)

Come si può portare in scena ciò che non può comparire, perché illegale, perché tenuto lontano dal palco? Questa è la sfida raccolta dalla compagnia Kepler-452 che, dopo Il giardino dei ciliegi, con il suo nuovo spettacolo parte nuovamente dalla realtà emiliana, grazie all’incontro con F. e con una storia fatta di mancanze, dolori, abissi che si perdono in buchi neri impossibili da scandagliare. Il testo scritto da Paola Aiello – anche interprete -, Enrico Baraldi – anche dramaturg-, Nicola Borghesi – anche regista e interprete-, fa dell’assenza del protagonista assoluto la chiave di volta della narrazione teatrale, indagandone i motivi e soprattutto le conseguenze, ponendo domande generatrici di riflessioni che riguardano il presente e che si rivolgeranno a tutti e tutte.

ORARI: giovedì 5, venerdì 6, mercoledì 11, giovedì 12 e venerdì 13 dicembre h 20.30; sabato 7 e sabato 14 dicembre h 20; domenica 8 e domenica 15 dicembre h 16.30

PREZZI: biglietto platea e palco intero 16,80 €; biglietto platea e palco ridotto coop, conad, over 60, tper, card musei 12,50€; biglietto platea e palco ridotto under 35, lav pens, ert, studenti universitari 8,50 €.

 

– Quando la vita ti viene a trovare (Teatro Arena del Sole 12 e 13 dicembre)

Un confronto tra due titani del pensiero occidentale, portatori di due opposte visioni del mondo. Enzo Vetrano e Stefano Randisi portano in scena il dialogo tra Seneca e Lucrezio messo su carta dal latinista Ivano Dionigi. Due personalità complesse e filosoficamnete divergenti, che prenderanno vita sul palcoscenico felsineo attraverso i due interpreti e registi, pronti a chiedere alla platea di prendere posizione. Una produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione che punta a far riflettere il pubblico.

DURATA: 65’.

ORARI: giovedì 12 e venerdì 13 h 21.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 22,40 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 13,50 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto under 35, studenti universitari, ERT 8,50 €.

 

– Un borghese piccolo piccolo (Teatro Duse 13 – 15 dicembre)

La storia di un uomo che si fa storia di un intero paese, l’Italia, con i suoi vizi e i suoi difetti, sempre in bilico tra commedia e tragedia. Fabrizio Coniglio – drammaturgo e regista dell’adattamento – ha infatti deciso di riprendere in mano il capolavoro letterario di Vincenzo Cerami – adattato per il grande schermo da Mario Monicelli – e far entrare nuovamente il pubblico in contatto con un personaggio che potrebbe essere il vicino di casa di chiunque. A dare corpo e voce alle vicende di Giovanni Vivaldi – borghese che tenta di tutto per far avere un posto fisso al figlio – sarà Massimo Dapporto, supportato in scena da un cast di primissimo livello.

ORARI: venerdì 13 e sabato 14 dicembre h 21; domenica 15 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto galleria e palchi intero 25 €; biglietto galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto galleria e palchi mini 20,50 €; prima galleria intero 21 €; prima galleria ridotto 19 €; prima galleria mini 18 €; seconda galleria intero 21 €; seconda galleria ridotto 19 €; seconda galleria 18 €.  

 

– The Pozzolis Family – A-Live: perché sopravvivere ai figli è una cosa da ridere! (Teatro Celebrazioni 13 dicembre)

Il mestiere del genitore, pratica circense che diventa arte. Questo è il cuore dello spettacolo in cartellone al Teatro Celebrazioni questa settimana che vedrà protagonisti Alice Mangione e Gianmarco Pozzoli, ovvero The Pozzolis Family, una famiglia sui generis che punterà a far divertire il pubblico in sala. Un racconto sulla genitorialità senza peli sulla lingua in cui la coppia traccerà un ritratto realistico, comico e al contempo tragico, dell’essere genitori.

ORARI:h 21.
PREZZI: biglietto I Platea intero 40,25 €; biglietto I Platea ridotto 34,50 €; biglietto II Platea intero 32,20 €; biglietto II Platea ridotto 28,75 €.

 

– Alice (Teatro EuropAuditorium 12 – 15 dicembre)

Sarà l’immaginazione e l’invenzione al centro del nuovo spettacolo proposto dalla compagnia Momix. Ispirata ad Alice nel paese delle meraviglie, la messa in scena della compagnia diretta da Moses Pendleton coinvolgerà direttamente la platea in un viaggio fatto di creatività, stranezze e stravaganze trasmesse direttamente dai corpi dei performer che si esibiranno sul palcoscenico bolognese.

ORARI: giovedì 12. venerdì 13 e sabato 14 h 21; domenica 15 h 16.30.

PREZZI: biglietto platea intero 41 €; biglietto platea ridotto 37 €; biglietto platea abbonati 27,50 €; biglietto platea bambino 25 €; biglietto balconata intero 33 €; biglietto balconata ridotto 29,50 €; biglietto balconata abbonati 18,50 €; biglietto balconata bambino 15 €.

 

Nelle settimane precedenti

 

– Instrument Jam (Teatro Comunale di Bologna 24 settembre)

La summa dell’arte coreutica nazionale chiamata a interpretare lo spirito più fiero della Sicilia. Questo è il cuore dello spettacolo di danza contemporanea diretto e coreografato da Roberto Zappalà. Sette performer della Compagnia Zappalà Danza si muoveranno al ritmo dei tamburi di Arnaldo Vacca, che incontreranno gli scacciapensieri di Puccio Castrogiovanni e lo hang di Marco Selvaggio, per raccontare un’isola ricca di cultura e storia e aperta al mondo. Un appuntamento inserito nel programma di Bologna Modern. Festival per le musiche contemporanee.

ORARI: martedì 24 e mercoledì 25 settembre h 20.30.

PREZZI: biglietto platea intero 26,25 €; biglietto platea ridotto Under 30 15,75 €; biglietto palco centrale I e II ord. intero 26,25 €; biglietto palco centrale I e II ord. ridotto Under 30 15,75 €; biglietto palco centrale III e VI ord. e palco laterale I e II ord. intero 21 €; biglietto palco centrale III e VI ord. e palco laterale I e II ord. Under 30 € 10,50; biglietto palco laterale III e VI ord. intero 15,75 €; biglietto palco laterale III e VI ord. Under 30 10,50 €.

 

– La storia addosso. Un viaggio in città con il corpo (Cimitero della Certosa 24 settembre)

Corpi plastici, custodi di memorie e storie personali, che si intrecciano con i percorsi e le strade della città. Da qui parte lo spettacolo ideato da Fabio Fornasari in collaborazione con Gruppo Elettrogeno che andrà in scena nel suggestivo scenario del cimitero felsineo. Un viaggio fatto di geografie sensoriali, concrete e immaginarie al contempo, in cui fisicità e ricordi si fonderanno. Il progetto è curato dalla Cooperativa Sociale Accaparlante con l’Istituto dei Ciechi “Francesco Cavazza” e Fondazione Gualandi A Favore dei Sordi.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: biglietto unico 10 €.

 

– Reading dall’Odissea: per i migranti d’oggi (Piazza Verdi 26 settembre)

Un salto nell’epica achea per raccontare un presente di migrazioni. Questo promettono di portare sul palco estivo della centralissima piazza universitaria Enzo Vetrano e Stefano Randisi, in occasione del benvenuto a tutte le matricole del nuovo anno accademico. Un itinerario tutto da vivere, quello proposto dai due autori e interpreti, che mescolerà le narrazioni omeriche con le storie contemporanee, intervallate dagli interventi di docenti e studenti dell’Università di Bologna.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto gratuito.

 

– Credevo che (o della violenza domestica) (Oratorio San Filippo Neri 5 ottobre)

Musica e parole per raccontare la violenza più subdola, quella agita tra le mura domestiche, che dovrebbero proteggere e che invece si trasformano in prigioni. Questi sono gli strumenti che Simonetta Agnello Hornby e Filomena Campus adotteranno nello spettacolo in scena questa settimana nel suggestivo spazio bolognese. Partendo dalla propria esperienza londinese di avvocata per i diritti delle donne, la scrittrice siciliana unirà il suo talento alla musicista jazz per delineare uno scenario sfaccettato che aprirà nuovi spazi di ragionamento e riflessione.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Viaggio nella scatola magica (Teatro Duse 2 ottobre)

Cosa si cela dietro le quinte del palcoscenico e nelle viscere del teatro? A questa domanda proverà a dare una risposta coinvolgente ed esaustiva lo spettacolo ideato da Anissa Sala e realizzato da Marco Cavallaro. Una visita guidata che si farà drammaturgia, fatta di verità e immaginazione, aneddoti e racconti, al seguito di Flavia Bakiu e Andrea Ramosi, i due attori in scena, e Marco De Barba, macchinista prestato al palcoscenico, pronti ad accompagnare il pubblico oåltre la quarta parete.

ORARI: h 20.

PREZZI: biglietto unico 12 €.

 

– Obbligo di (in)fedeltà (Teatro Dehon 4 – 6 ottobre)

Un mondo patinato e glamour messo alle strette e smascherato di tutte le sue ipocrisie. Questo è lo scenario su cui si staglia la commedia nera che apre la stagione 2019/2020 del Teatro Dehon. Scritta da Piero Ferrarini e diretta da Guido Ferrarini la pièce aprirà uno squarcio su Hollywood e sui meccanismi malsani che lo portano avanti, attraverso le vicende del produttore Paul Monassier, costretto a vivere una serie di eventi paradossali, tra attrici prive di talento e attori sponsorizzati dalla mafia italo-americana. Un ritratto crudo e acido, al contempo divertente e intriso di un umorismo nero che promette di travolgere la platea felsinea.

ORARI: venerdì 4 e sabato 5 ottobre h 21; domenica 6 ottobre h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonamenti, under 18 e comuni convenzionati 14 €.

 

– Marrocchinate (Piazza Verdi 9 ottobre)

Una memoria sepolta, fatta di dolori e tragedie, di corpi violati, da riportare alla luce Questo è l’obiettivo dello spettacolo scritto da Simone Cristicchi e Ariele Vincenti, questa settimana in scena nella centralissima piazza della zona universitaria felsinea. Diretto da Nicola Pistoia, il testo getterà luce sulle vicende della primavera del ‘44 che videro protagoniste le donne della Ciociaria, vittime delle violenze perpetrate dalle truppe marocchine Alleate. Una pièce che darà voce ad Angelino, pastore locale, e a sua moglie Angelina, le cui parole saranno accompagnate dalle musiche composte da Marcello Corvino ed eseguite dal vivo.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Il Maestro e Margherita (Teatro Duse 11 – 13 ottobre)

I tormenti dello spirito, della psiche e della carne sono al centro di uno dei romanzi più iconici del secolo scorso, pronto a tornare a teatro grazie alla riscrittura di Letizia Russo. Il libro di MIchail Bulgakov è infatti alla base dello spettacolo che vedrà protagonista MIchele Riondino, pronto a vestire i panni del diavolo Woland, venuto sulla terra a seminare scompiglio nella vita del Maestro, scrittore misterioso, e della sua amata Margherita. Ad accompagnarlo sul palco un folto cast capitanato da Francesco Bonomo e  Federica Rosellini. 

DURATA: 180’.

ORARI: venerdì 11 e sabato 12 h 21; domenica 13 h 18.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto galleria e palchi intero 25 €; biglietto galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto galleria e palchi mini 20,50 €; prima galleria intero 21 €; prima galleria ridotto 19 €; prima galleria mini 18 €; seconda galleria intero 21 €; seconda galleria ridotto 19 €; seconda galleria 18 €.  

 

– Cirque du Soleil – Corteo (Unipol Arena 9 – 13 ottobre)

La magia del circo e dei suoi personaggi torna alle porte di Bologna, grazie al talento del Cirque du Soleil. L’ensemble internazionale proporrà infatti nel palazzetto di Casalecchio di Reno lo spettacolo incentrato su una parata funebre nata dalla fantasia di un clown. Un contrappunto di forme e movimenti, dimensioni e sentimenti che punterà a coinvolgere il pubblico bolognese anche attraverso musiche gioiose e scenografie dipinte a mano.

ORARI: mercoledì 9 ottobre, giovedì 10 ottobre, venerdì 11 ottobre e sabato 12 ottobre h 20.30; sabato 12 ottobre h 16.30. domenica 13 ottobre h 13.30 e h 17.30.

PREZZI: biglietto 1 settore numerato intero 95,45 €; biglietto 2 settore numerato intero 83,95 €; biglietto 3 settore numerato intero 70, 15 €; biglietto 4 settore numerato 51,75 €.

 

– Canto per Europa: viaggio in musica e parole alle origini dell’Occidente (Teatro Arena del Sole 11 – 13 ottobre)

Un continente e il suo mito fondativo, tra linguaggi differenti e complementari. Sarà un viaggio attraverso l’Europa quello ideato da Igor Coretti Kuret e Paolo Rumiz partendo proprio dai versi e dai brani composti dal giornalista e scrittore triestino. La rilettura del rapimento della principessa fenicia Europa da parte di Giove e della sua fuga lungo il Mediterraneo sarà accompagnata dalle musiche dei massimi compositori europei, da Ravel a Beethoven, interpretate dalla European Spirit of Youth Orchestra – ESYO, ensemble giovanile internazionale diretto Coretti Kuret. 

DURATA: 100’.

ORARI: venerdì 11 ottobre h 21; sabato 12 ottobre h 19.30; domenica 13 ottobre h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Over 60, TPer 22,40 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 13,50 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, TPer 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia Under 35, Studenti universitari, ERT 11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, TPer 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 8,50 €. 

 

– Niente è come sembra (Teatro Dehon 11 – 13 ottobre)

La Ville Lumière, una coppia di uomini innamorati e improvvisamente costretti a rivedere la propria esistenza per un’ostilità burocratica. Lo spettacolo scritto da Piero Ferrarini e diretto da Guido Ferrarini promette di travolgere con una serie di personaggi e situazioni tutta da ridere gli spettatori e le spettatrici felsinee. Tra funzionari omofobi, zii dalla ricca eredità e gag paradossali, il cast composto da Alessandro Fornari, Aldo Sassi, Federica Tabori, Andrea Zacheo e Martina Valentini Marinaz animerà il palcoscenico del Dehon nel corso del fine settimana.

ORARI: venerdì 11 e sabato 12 ottobre h 21; domenica 13 ottobre h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonamenti, under 18 e comuni convenzionati 14 €.

 

– Amleto – I dardi dell’avversa fortuna (Teatro Dehon 15 – 17 ottobre)

Un testo denso, capace di mescolare tragedia, commedia, amore, morte, che incontra un ensemble corale. Da qui parte la sfida raccolta da Alessandra Cortesi, regista e drammaturga dello spettacolo in scena sotto le Due Torri questa settimana. I versi di William Shakespeare si fonderanno con gesti e movimenti, divenendo frammenti di un discorso ampio e sfaccettato, tra sette Amleti, sette Ofelie, sette angeli custodi, cinque Gertrudi e una Pazzia multiforme. 

ORARI: martedì 15, mercoledì 16 e giovedì 17 h 21.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonati, Under 18 e comuni convenzionati 14 €. 

 

– La fisarmonica verde (Teatri di Vita 19 ottobre)

Alla scoperta della vita segreta di un padre, tra campi di concentramento, emozioni, una guerra devastante e una fisarmonica verde. Andrea Satta attinge alla sua biografia familiare in questo viaggio andata e ritorno dalla Sardegna alla Germania. Un uomo comune, il Gavino “Esse” al centro del monologo scritto, diretto e interpretato dal frontman dei Têtes de Bois, che accompagnerà il pubblico nel lager di Lengenfeld dove si consumò la strage commessa da Joseph Hartmann. Tra oggetti ed emozioni, musiche – quelle degli stessi Têtes de Bois – e parole, un viaggio nelle maglie più intime di un uomo. 

ORARI: h 20.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto convenzioni, over 65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Kalinka – Il Circo Russo come non l’avete mai visto (ITC Teatro 20 ottobre)

Alla scoperta del circo e della clownerie, attraverso momenti poetici, ludici e teneri al contempo. Ferdinando “Nando” D’Andria e Maila Sparapani tornano sulla scena con i loro numeri acrobatici e le loro imperdibili gag per spettatori e spettatrici di tutte le età. Al centro di questa nuova avventura sarà la coppia sgangherata composta da un impresario sui generis e da una primadonna del circo russo. E sarà proprio l’arte circense delle lontane terre rutene il filo conduttore di una performance che punterà al coinvolgimento diretto della platea.

ORARI: domenica 20 h 16.30 e h 18.30.

PREZZI: biglietto persone adulte 8 €; biglietto bambini e bambine 6 €.

 

– Arizona – Una tragedia musicale americana (Teatro Arena del Sole 19 – 27 ottobre)

Una coppia americana, un’umanità desertificata e un futuro distopico che fa capolino in un presente intollerante. Sono questi gli ingredienti del dramma diretto e interpretato da Fabrizio Falco insieme a Laura Marinoni, in cartellone all’Arena del Sole di Bologna. Tratto dal testo dello scrittore spagnolo Juan Carlos Rubio, lo spettacolo farà immergere la platea nelle atmosfere surreali vissute da George, uomo americano tutto d’un pezzo, e Margaret, fan sfegatata di Julie Andrews, chiamati dal progetto Minute Man a difendere i confini statunitensi dagli invasori messicani. Un percorso in costante bilico tra commedia e dramma, realismo e finzione.

DURATA: 70’.

ORARI: sabato 19 e sabato 26 h 20; domenica 20 e domenica 27 h 16.30; da martedì 22 a venerdì 25 h 20.30.

PREZZI: biglietto platea e palco intero 16,80 €; biglietto platea e palco ridotto Coop, Conad, Over 60, TPER, Card Musei 12,50€; biglietto platea e palco ridotto Under 35, Lav Pens, ERT, Studenti Universitari 8,50 €.

 

– Non domandarmi di me, Marta mia (Teatro delle Moline 24 – 27 ottobre)

Un rapporto elettivo tra un maestro del teatro novecentesco e la sua musa ispiratrice, tra figure fantasmatiche e lettere pregne di amore per l’arte. Al rapporto epistolare tra Marta Abba e Luigi Pirandello è ispirato lo spettacolo scritto da Katia Ippaso e diretto da Arturo Armone Caruso, in scena questa settimana sotto le Due Torri. Ambientata durante notte del 10 dicembre 1936, giorno della dipartita dello scrittore siciliano, la pièce darà spazio al dolore e allo straniamento vissuto dall’interprete feticcio dei lavori pirandelliani e ai personaggi da lei interpretati nel corso degli anni di intenso sodalizio. Un lavoro a cui darà voce e corpo sul palco Elena Arvigo, accompagnata dalle musiche originali di Maria Fausta.

DURATA: 60’.

ORARI: giovedì 24 e venerdì 25 h 20.30; sabato 26 h 20; domenica 27 h 16.30.

PREZZI: biglietto intero 14,56 €; biglietto ridotto Coop, Conad Over 60, Card Musei 10,50 €; biglietto ridotto Under 35, Studenti universitari 7,50 €. 

 

– Miseria e nobiltà (Teatro Duse 25 – 27 ottobre)

Un ecosistema complesso e stratificato, fatto di umanità e di equilibri precari. Lo scenario che si mostrerà al pubblico del Teatro Duse questo weekend sarà quello del testo di Eduardo Scarpetta, un classico del teatro partenopeo. Un nuovo allestimento adattato da Lello Arena e Luciano Melchionna – anche regista e scenografo dello spettacolo-, che darà spazio ai personaggi tratteggiati dal drammaturgo napoletano, sempre in bilico tra povertà e ricchezza, morale e materiale.

DURATA: 150’ con intervallo.

ORARI: venerdì 25 e sabato 26 h 21; domenica h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria intero 25 €; biglietto prima galleria ridotto 23 €; biglietto prima galleria mini 20,50 €; biglietto prima galleria intero 21 €; biglietto prima galleria ridotto 19 €; biglietto prima galleria mini 18 €; biglietto seconda galleria intero 21 €; biglietto seconda galleria ridotto 19 €; biglietto seconda galleria mini 18 €.

 

– Stereotypes game (Teatro Comunale Laura Betti 26 e 27 ottobre)

Una platea particolare, quella adolescenziale, per affrontare il tema degli stereotipi di genere. Yasmeen Godder, coreografa israeliana tra le più apprezzate della scena internazionale, punta a coinvolgere direttamente il pubblico nella performance che presenta questo fine settimana sul palcoscenico di Casalecchio di Reno, all’interno del programma di Gender Bender Festival e Teatro Arcobaleno. Grazie a due interpreti come Shuli Enosh e Ofir Yudilevich maschile e femminile verranno mescolati per far emergere i ruoli in cui la società ingabbia le persone.

DURATA: 60’.

ORARI: sabato 26 h 11 e h 18; domenica 27 h 18 e h 20.

PREZZI: biglietto intero 12 €; biglietto ridotto Coop, Arcigay, Lesbiche Bologna 10 €; biglietto ridotto 8 €.

 

– Concerto fisico per azioni (Teatri di Vita 30 ottobre)

Un omaggio alla propria storia, a un’idea di movimento che nasce dalla relazione profonda tra corpi e canto. Questo è lo spettacolo che Michela Lucenti con la sua compagnia Balletto Civile porterà sul palcoscenico felsineo. Una commistione densa e magmatica, una discoteca di azioni fisiche in cui la coreografa e interprete, accompagnata in scena da Gianluca Pezzino, porterà alla platea in dono l’esperienza di sedici anni di carriera e ricerca coreutica nata nell’Ex Ospedale Psichiatrico di Trieste.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto convenzioni, over 65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Racines de Songe – Roots of Dream (Oratorio San Filippo Neri 1 novembre)

Affondare nel terreno che brulica di vita, partendo dalla testa, alla ricerca delle radici. Questo è l’invito che Anne-Cécile Chane-Tune proporrà al pubblico bolognese in occasione di Scie Festival. Un estratto del suo assolo coreografico che si muoverà tra suggestioni pittoriche e sensoriali, coinvolgendo direttamente le persone presenti, che si troveranno di fronte a un personaggio senza volto e molteplici domande alle quali cercare risposte.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: evento gratuito.

 

– Chi ruba un piede è fortunato in amore (Teatro Dehon 1 – 3 novembre)

Mito e commedia si uniscono in questo nuovo allestimento della pièce di Dario Fo, per l’occasione diretta da Carlo Emilio Lerici per la compagnia del Teatro Belli. Una proiezione della vicenda classica in un’Italia preda della speculazione edilizia, in pieni anni Sessanta, abitata dal tassista truffatore Apollo – interpretato da Antonio Salines – e dalla libertina Dafne – Francesca Bianco a darle volto e voce – che si troveranno a interagire in situazioni al limite del lecito. 

ORARI: venerdì 1 e sabato 2 novembre h 21; domenica 3 novembre h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonati, Under 18 e comuni convenzionati 14 €.

 

– Savušun (Ateliersì 1 e 2 novembre)

Dolore e piacere, amore e morte, ritualità contemporanee e antiche. C’è tutto questo nella performance che Sorour Darabi porterà in città in occasione di Gender Bender Festival. Una lettera d’amore sensuale verso un padre rigido e distante, generale nell’Iran sciita, che il coreografo transgender tramuterà in rito a cavallo tra sadomasochismo e spiritualismo, in un costante gioco di rimandi culturali. 

DURATA: 60’.

ORARI: venerdì 1 h 21; sabato 2 novembre 18.30 h 18.30.

PREZZI: biglietto intero 12 €; biglietto ridotto Soci Coop, Arcigay, Lesbiche Bologna 10 €; biglietto ridotto Studenti UniBO 8 €.

 

– Noi – Mille volti e una bugia (Teatro Celebrazioni 24 ottobre – 10 novembre)

Qual è il confine tra ciò che siamo e ciò che mostriamo alle altre persone? A questa domanda prova a rispondere lo spettacolo di Andrea Sasdelli in arte Giuseppe Giacobazzi, in scena in queste settimane al Teatro Celebrazioni. Diretto da Carlo Negri, il comico emiliano romagnolo ha raccolto venticinque anni di avventurosa carriera teatrale in un testo che affronterà il cambiamento contemporaneo, attraverso l’ironia e la semplicità, attingendo al contempo ai classici della letteratura, da Oscar Wilde a Luigi Pirandello, passando per George Orwell e Nick Hornby.

ORARI: mercoledì 30 e giovedì 31 ottobre, venerdì 1, sabato 2, mercoledì 6, giovedì 7, venerdì 8 e sabato 9 novembre h 21; domenica 3 ottobre e domenica 10 ottobre h 18.

PREZZI: biglietto intero 33 €; biglietto ridotto 29 €; biglietto ridotto abbonati 27 €; biglietto ridotto Under 29 25 €.

 

– Maratona di New York (Teatri di Vita 9 novembre)

Un esercizio a tutto tondo, fisico e simbolico, quello che verranno chiamate a fare le interpreti dello spettacolo diretto da Andrea Bruno Savelli in cartellone ai Teatri di Vita questa settimana. Scritto da Edoardo Erba, il testo sarà per la prima volta declinato interamente al femminile, con due interpreti d’eccezione – Fiona May, al suo debutto in teatro, e Luisa Cattaneo – che daranno corpo e voce a una coppia agli antipodi. Da un lato una donna che vive il successo nella vita e sul lavoro dall’altro, invece, una donna insicura che ancora si trova a lottare quotidianamente contro i suoi demoni del passato. Due personaggi che, dall’inizio alla fine, si metteranno a nudo seguendo il crescente battito dei loro cuori, impegnati in uno sforzo del corpo e dell’anima. 

ORARI: h 20.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto Convenzioni, +65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Madre courage e i suoi figli (Teatro Duse 8 – 10 novembre)

La storia di una donna che incontra la Storia dell’umanità, andando al di là dello spazio e del tempo. Questo è il cuore del famosissimo testo di Bertolt Brecht che Paolo Coletta porterà sul palcoscenico del teatro felsineo nel prossimo fine settimana. A interpretare la celebre Anna Fierling conosciuta come Courage sarà Maria Paiato, che nelle dodici scene previste dal copione farà immergere il pubblico nelle vicende ambientate durante la seicentesca Guerra dei Trent’anni. Una riflessione profonda sulla guerra e sulla pace, sostenuta dalle iconiche musiche di Paul Dessau, capaci di mescolare la classica all’elettronica. 

ORARI: venerdì 8 e sabato 9 novembre h 21; domenica 10 novembre h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto prima e seconda galleria intero 21 €; biglietto prima e seconda galleria ridotto 19 €; biglietto prima e seconda galleria mini 18 €. 

 

– School of rock (Teatro EuropAuditorium 16 e 17 novembre)

Amicizia, passione, autostima e divertimento, il tutto condito da tanta musica. Questa è la ricetta vincente del commedia musicale in scena questa settimana nel teatro bolognese. Tratto dal cult movie diretto da Richard Linklater, la versione italiana del musical di Andrew Lloyd Webber è frutto del lavoro di Massimo Romeo Piparo che firma l’ennesimo successo. A vestire i panni dell’insegnante fuori dagli schemi protagonista della pièce è Pasquale “Lillo” Petrolo, tra i comici più apprezzati della scena teatrale e televisiva, accompagnato da un cast ricco di vitalità, con 14 degli interpreti adolescenti.

ORARI: sabato 16 novembre h 16 e h 21; domenica 17 novembre h 16.30.

PREZZI: biglietto I platea 44 €; biglietto I platea ridotto 39 €; biglietto I platea abbonati 27,50 €; biglietto I platea bambino 25 €; biglietto II platea intero 35 €; biglietto II platea ridotto 31 €; biglietto II platea abbonati 27,50 €; biglietto II platea bambino 25 €; biglietto balconata intero 30 €; biglietto balconata ridotto 27 €; biglietto balconata abbonati 18,50 €; biglietto balconata bambino 15 €.

 

– La valle dell’Eden (Teatro Arena del Sole 6 – 17 novembre)

Creazione e perfezione, imperfezione e sconfitta, divino e umano, letteratura e prosa, parola scritta e vocalizzata. Attorno a queste, e molte altre coppie, riflette l’ultimo lavoro che Antonio Latella dirige per ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione, in scena nelle prossime due settimane nel cuore di Bologna. Un confronto titanico con il capolavoro letterario di John Steinbeck, trasformato per l’occasione in una maratona teatrale di quasi otto ore in cui il regista e drammaturgo campano riflette sul potere generativo della parola e della creatività, sulle similitudini tra Dio e autore. 

ORARI: da mercoledì 6 novembre a venerdì 8 novembre primo atto h 21; sabato 9 novembre primo atto h 16; sabato 9 novembre secondo atto h 20; domenica 10 novembre primo atto h 16; da mercoledì 13 novembre a venerdì 15 novembre secondo atto h 21; sabato 16 novembre primo atto h 16; sabato 16 novembre secondo atto h 20; domenica 17 novembre secondo atto h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 14 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 11,50 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti Universitari, ERT 7,50 €; biglietto palco e barcaccia intero 12 €; biglietto palco e barcaccia ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 9,50 €; biglietto palco e barcaccia ridotto Under 35, Studenti universitari, ERT 6,50 €; biglietto galleria intero 7,50 €; biglietto galleria ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper 6 €; biglietto galleria Under 35, Studenti universitari, ERT 5 €.

 

– Fidelio (Teatro Comunale di Bologna 10 – 16 novembre)

Un’opera travagliata, come la sua trama, animata dall’amore e dal doloro, dai soprusi e dal riscatto, quella composta da Ludwig van Beethoven e in cartellone al Teatro Comunale nelle prossime settimane. L’unico lavoro per il teatro del maestro di Bonn rivivrà, infatti, sulle assi del palcoscenico felsineo sotto la direzione musicale di Asher Fisch e la regia di Georges Delnon. Basato sul romanzo Léonore ou l’amour conjugal di Jean-Nicolas Bouilly, il libretto di Joseph Sonnleithner e Georg Friedrich Treitschke tratta delle vicende di Leonora che, pur di salvare il marito ingiustamente incarcerato dal crudele don Pizarro, si finge Fidelio nella spagnola città di Siviglia. Un lavoro complesso che non ebbe successo immediato, tuttavia molto amato dallo stesso Beethoven.

ORARI: domenica 10 novembre, martedì 12 novembre e giovedì 14 novembre h 20; martedì 12 novembre e venerdì 15 novembre h 18; sabato 16 novembre h 15.30.

PREZZI: biglietto platea intero 78,75 €; biglietto platea Under 30 26,25 €; biglietto palco centrale I – II Ord. intero 78,75 €; biglietto palco centrale I – II Ord. ridotto Under 30 26,25 €; biglietto palco laterale I – II Ord. intero 63 €; biglietto palco laterale I – II Ord. ridotto Under 30 21 €; biglietto palco laterale III – IV Ord. intero 42 €; biglietto palco laterale III – IV Ord. ridotto Under 30 15,75 €.

 

– La Maschia (Teatri di Vita 16 e 17 novembre) 

Da inizio a Novecento ai giorni d’oggi, da scarafaggio a essere umano di sesso maschile. Sono all’apparenza poche le differenze in questa versione della Metamorfosi kafkiana che Andrea Adriatico ha tratto dal testo di Claire Dowie, qui adattato da Stefano Casi. Protagonista delle paradossali vicende messe in prosa dalla drammaturga inglese è la signora H che, svegliatasi una mattina, scopre che si sta trasformando in un uomo senza alcun motivo, dando il via a una serie di eventi che tramuteranno la pièce in una commedia che promette di scompaginare tutte le dinamiche tra maschile e femminile. A Olga Durano, compagna di avventure di Franco Parenti e Leo de Berardinis, il compito di dare corpo e voce alla trasformazione scenica, accompagnata da Patrizia Bernardi e Alexandra Florentina Florea. Un cast tutto al femminile che si muoverà tra le scenografie di Giovanni Santecchia, per cinque serate tutte da gustare. 

ORARI: sabato 16 h 20; domenica 17 h 17.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto Convenzioni, +65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Un tram che si chiama desiderio (Teatro Duse 15 – 17 novembre)

Una donna con le sue peculiarità e le sue difficoltà, immersa nelle atmosfere di una New Orleans degli anni Quaranta del secolo scorso. Il nuovo allestimento del capolavoro di Tennessee Williams arriva sul palcoscenico bolognese, puntando a coinvolgere il pubblico. Un testo ormai diventato un classico del teatro e del cinema – iconiche le interpretazioni di Marlon Brando e Vivien Leigh –, diretto in questa nuova versione da Pier Luigi Pizzi con Mariangela D’Abbraccio, nel ruolo di Blanche DuBois, e Daniele Pecci, nel ruolo di Stanley Kowalski.

ORARI: venerdì 15 e sabato 16 novembre h 21; domenica 18 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto prima e seconda galleria intero 21 €; biglietto prima e seconda galleria ridotto 19 €; biglietto prima e seconda galleria mini 18 €. 

 

– Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate (Teatro Arena del Sole 19 – 22 novembre)

Un incontro tra tre maestri della drammaturgia per ricercare il coinvolgimento diretto del pubblico. Questo proporrà il giovane drammaturgo e regista Davide Carnevali che, partendo dall’opera di Federico Garcia Lorca e mescolandola con quelle di William Shakespeare e Pedro Calderon de la Barca, interrogherà direttamente la platea. Un esercizio metateatrale in cui i presenti parteciperanno direttamente alla realizzazione dello spettacolo, attraversando la drammaturgia aperta dello scrittore spagnolo e riflettendo sul ruolo dell’individuo nel presente storico.  

DURATA: 80’.

ORARI: martedì 19, mercoledì 20, giovedì 21 e venerdì 22 h 20.30; sabato 23 h 20; domenica 24 h 16.30.

PREZZI: biglietto platea e palco intero 16,80 €; biglietto platea e palco ridotto Coop, Conad, Over 60, Tper, Card Musei 12,50 €; biglietto platea e palco ridotto Lav Pens, Ert, Studenti Universitari 8,50 €.

 

– Radio Clandestina (Teatro Comunale Laura Betti 22 novembre)

La memoria di una città, di un paese, raccontata partendo da un evento drammatico di poche ore. Ascanio Celestini – in occasione di Politicamente Scorretto, rassegna dedicata alla legalità e al contrasto delle mafie – riannoda i fili dei ricordi e riprende in mano uno dei suoi primi testi teatrali. Il punto di partenza è dall’eccidio delle Fosse Ardeatine – 335 persone uccise dai nazisti per vendicarsi dell’attacco a opera dei partigiani subito il giorno precedente – dal quale il drammaturgo e interprete romano si muoverà per tracciare la storia di Roma, attraverso il racconto orale.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto 13,50 €; biglietto giovani 8 €; biglietto scuole superiori 7,50 €.

 

– Il sadico del villaggio (Teatro delle Moline 21 e 22 novembre)

Un omaggio sentito e onesto a uno dei maestri della risata italiana, quello che Maurizio Cardillo si appresta a portare questa settimana sul palcoscenico felsineo. È dedicato infatti a Marcello Marchesi – giornalista e scrittore, autore televisivo e radiofonico – e alla sua comicità dissacrante e tagliente, il monologo in cartellone al Teatro delle Moline, che si svilupperà attorno al rapporto tra Marchesi e le divinità della comicità italica, da Ugo Tognazzi a Walter Chiari, passando per Ave Ninchi e Paolo Panelli. Un itinerario che punta a coinvolgere direttamente il pubblico grazie all’eleganza e allo stile senza tempo dell’interprete milanese.

ORARI: giovedì 21 e venerdì 22 h 20.30; sabato 23 h 20; domenica 24 h 16.30.

PREZZI: biglietto intero 14, 56 €; biglietto ridotto Coop, Conad, Over 60, Card Musei, Tper 10,50 €; biglietto ridotto Under 35, Studenti Universitari 7,50 €.

 

– La menzogna (Teatro Il Celebrazioni 22 e 23 novembre)

Un gioco di maschere, di sovvertimento di ruoli, tra risata e crudeltà, falsità e verità taglienti. Piero Maccarinelli non risparmia nulla e nessuno nel suo adattamento del testo di Florian Zeller in scena questa settimana al Celebrazioni. Due coppie di amici che, ritrovatesi per una cena dopo molto tempo, iniziano ad accusare i sintomi delle convenzioni sociali e della morale imperante, in una cavalcata di frustrazioni e bugie, risentimenti e sensualità. A dare corpo e voce ai protagonisti, un quartetto d’eccellenza capitanato da Serena Autieri e Paolo Calabresi, supportati da Totò Onnis ed Eleonora Vanni.

ORARI: venerdì 22 e sabato 23 h 21.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto Under 29 22 €.  

 

– Notre Dame de Paris (Unipol Arena 22- 24 novembre)

Diventato ormai un classico del teatro musicale, torna in scena lo spettacolo tratto dal capolavoro di Victor Hugo. Frutto del lavoro di Riccardo Cocciante – autore delle musiche – e di Luc Plamondon – dietro alle liriche originali, adattate in italiano da Pasquale Panella -, la trasposizione teatrale del romanzo storico riporterà sul palco le romantiche vicende di Esmeralda e di Quasimodo, capaci di far sognare il pubblico in tutto il mondo. Un’opera moderna da non perdere.

ORARI:venerdì 22 novembre h 21; sabato 23 novembre h 16 e h 21; domenica 24 novembre h 17 e h 21.

PREZZI: biglietto poltrona numerata intero 64 €; biglietto poltrona numerata ridotto bambini 51 €; biglietto tribunette telescopiche numerate intero 57,50 €; biglietto tribunette telescopiche numerate ridotto bambini 46 €; biglietto laterale e ovest I anello numerato intero 48 €; biglietto laterale e ovest I anello numerato ridotto bambini 39 €; biglietto laterale e ovest II anello numerato intero 31 €; biglietto laterale e ovest II anello numerato ridotto bambini 23 €; biglietto tribuna gold A numerata intero 57,50 €; biglietto tribuna gold A numerata ridotto bambini 40 €.

 

– Circeo. Il massacro (Teatri di Vita 27 novembre)

Quando la memoria personale diventa Memoria collettiva, e il diritto all’oblio passa in secondo piano? Questo è uno dei temi affrontati da Elisa Casseri e Filippo Renda – anche regista – nello spettacolo in cartellone ai Teatri di Vita questa settimana. Un affondo nella violenza di genere che, partendo dall’evento di cronaca che sconvolse l’opinione pubblica nel 1975, darà spazio a una riflessione più ampia su quanto la società ne sia ormai pervasa in maniera sistematica. Chiamato a dare voce e corpo alle vicende del tempo il cast composto da Michele Di Giacomo, Alice Spisa, Arianna Primavera e Luca Mammoli. 

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto Convenzioni, +65 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Questo lavoro sull’arancia (Teatro Arena del Sole 30 novembre)

È una riflessione metacoreutica, quella messa in scena da Marco Chevenier in occasione del Festival 20 30 – Inevitabile e ospitato dal Teatro Arena del Sole. il coreografo, supportato dalla performer Elena Pisu, interrogheranno direttamente la platea sul suo ruolo, sui rapporti di potere tra chi danza su un palco e chi osserva, spesso legati a canoni sociali che poco hanno a che vedere con l’arte performativa e che invece hanno molto più da dire sulle relazioni socio-culturali in cui si è pienamente immersi. 

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Il borghese gentiluomo (Teatro Celebrazioni 29 novembre – 1 dicembre)

Una fotografia senza tempo della lotta di classe, affrontata con sagace e cattiva ironia nella Francia del Diciassettesimo Secolo. Questo è il cuore del nuovo allestimento del testo del maestro d’oltralpe che Vito porterà in scena questo fine settimana. Supportato da un ricco ensemble composto da Matteo Alì, Tamara Balducci, Filippo Beltrami, Leonardo Bianconi, Elisa Lolli, Giulio De Santi e Chiara Sarcona, l’interprete bolognese – diretto da Gabriele Tesauri – riprenderà il personaggio di Monsieur Jourdain, intento ad arricchirsi e a farsi spazio in un società fino a quel momento composta soltanto da popolo e nobiltà. 

ORARI: venerdì 29 e sabato 30 novembre h 21; domenica 1 dicembre h 18.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto Under 29 22 €.  

 

– Separazione (Teatro Dehon 29 novembre – 1 dicembre)

Un uomo e una donna, uniti solo da una sottile linea telefonica e dalla necessità di avvicinarsi a un’altra persona, nonostante le separazioni che la vita costringe a vivere. Sono questi gli ingredienti della pièce tradotta e  diretta da Marina Thovez, sul palcoscenico felsineo insieme a Mario Zucca. Tratto dal testo di Tom Kempinsky, la commedia romantica guiderà il pubblico in un percorso fatto di otto momenti, quelli che consentiranno a Sarah, attrice newyorkese, e Joe, drammaturgo londinese in crisi creativa, di avvicinarsi e incontrarsi.

ORARI: venerdì 29 e sabato 30 novembre h 21; domenica 1 dicembre h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto 23 €; biglietto ridotto abbonamenti, under 18 e comuni convenzionati 14 €.

 

– Alle 5 da me (Teatro Duse 29 novembre – 1 dicembre)

Come coniugare il desiderio di avere un figlio e di avere stabilità sentimentale con la necessità di essere selettivi e non trovarsi, invece, ad avere a che fare con persone poco compatibili? Ruota attorno a questa domanda il testo di Pierre Chesnot, portato al Teatro Duse questo weekend da Stefano Artissunch. Cinque personaggi maschili e cinque femminili – interpretati rispettivamente da Ugo Dighero e Gaia De Laurentiis – alla ricerca spasmodica della propria realizzazione personale, possibile solo trovando la persona adatta, coinvolgeranno il pubblico in un’escalation di risate e comicità. 

ORARI:venerdì 29 e sabato 30 novembre h 21; domenica 1 dicembre h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria intero 25 €; biglietto prima galleria ridotto 23 €; biglietto prima galleria mini 20,50 €; biglietto prima galleria intero 21 €; biglietto prima galleria ridotto 19 €; biglietto prima galleria mini 18 €; biglietto seconda galleria intero 21 €; biglietto seconda galleria ridotto 19 €; biglietto seconda galleria mini 18 €.

 

– Biglietti da camere separate (Teatri di Vita 5 – 8 dicembre)

L’intimità di uno scrittore e degli anni in cui si avvicina alla maturità, raccontata rimanendo in bilico tra teatro e romanzo. Un sentito omaggio a Pier Vittorio Tondelli, quello che Andrea Adriatico propone questa settimana ai Teatri di Vita, dal 1993 eletta a sua residenza teatrale. Attingendo a piene mani dal suo ultimo romanzo, il regista abruzzese di nascita ma bolognese d’adozione guiderà il pubblico nella vita di uno degli scrittori più rappresentativi delle generazioni cresciute a cavallo tra gli Ottanta e Novanta. Due camere separate per due interpreti in scena – Francesco Martino e Damiano Pasi -, pronti a esplorare l’amore e il sesso di Leo, scrittore omosessuale alle prese con un lutto.

ORARI: giovedì 5 e venerdì 6 dicembre h 21; sabato 7 dicembre h 20; domenica 8 dicembre h 17.

PREZZI: biglietto intero 15 €, biglietto ridotto convenzioni, +65 13 €; biglietto ridotto under 30 9 €.

 

– Mistero buffo parti femminili (Teatro Dehon 6 dicembre)

Un incontro tra passato e presente, lungo le strade della performance teatrale e del protagonismo femminile. Sarà una versione di Mistero Buffo tutta da gustare, quella in scena al Teatro Dehon questa settimana. A cinquant’anni dal suo debutto corsaro alla Statale di Milano, il testo di Franca Rame e Dario Fo torna sul palcoscenico con il corpo e la voce di Lucia Vasini che reciterà i monologhi resi celebri dall’interprete lombarda, dalla Nascita di Eva a Maria alla croce.  

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 25 €; biglietto ridotto 21 €; biglietto ridotto abbonati, under 18 e comuni convenzionati 14 €.

 

– Il grigio (Teatro Celebrazioni 6 e 7 dicembre)

Un uomo e l’altro da sé, da affrontare sotto forma di roditore in campagna. Questo è il cuore dello spettacolo scritto da Giorgio Gaber e Sandro Luporini e riadattato da Giorgio Gallione, in cartellone al Celebrazioni questa settimana. Un percorso nell’anima di un personaggio, interpretato da Stefano “Elio” Belisari, alle prese con Il grigio, ovvero tutto ciò che è diverso che prende le sembianze di un topo. 

ORARI: venerdì 6 e sabato 7 dicembre h 21.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto under 29 22 €.

 

– Balliamo sul mondo (Teatro EuropAuditorium 7 e 8 dicembre)

Un’intera generazione, alle prese con l’arrivo del terzo millennio, raccontata attraverso le canzoni di uno dei massimi cantori degli ultimi trent’anni. Sarà infatti costruito interamente sui brani di Luciano Ligabue il musical in programma al Teatro EuropAuditorium. Scritto e diretto da Chiara Noschese, la commedia musicale porterà in scena la provincia italiana del 1990, attraverso un gruppo di tredici giovani e i loro sogni, scanditi da pezzi di storia della musica leggera come Certe notti e Urlando contro il cielo.

ORARI: sabato 7 dicembre h 21; domenica 8 dicembre h 16.30.

PREZZI: biglietto I platea intero 41 €; biglietto I platea ridotto 37 €; biglietto I platea abbonati  27,50 €; biglietto I platea bambino 25 €; biglietto II platea intero 35 €; biglietto II platea ridotto 30 €; biglietto II platea abbonati 27,50 €; biglietto II platea ridotto 25 €; biglietto balconata intero 25 €; biglietto balconata ridotto 21,50 €, biglietto balconata abbonati 18,50 €; biglietto balconata bambino 15 €.

 

Etichette: