Pubblicato in: Teatro

Spettacoli a Bologna in Primavera: dal Comunale al Teatro delle Moline

Spettacoli Bologna Primavera 2019
Revolyutsiya

La primavera è ormai giunta e con sé porta una ventata di freschezza e leggerezza, anche tra i teatri bolognesi. L’offerta di spettacoli a Bologna, infatti, non accenna a fermarsi, tra commedie, musical e lirica, senza dimenticare la prosa, il teatro di ricerca e il balletto. Per orientarsi ecco il nostro stagionale spiegone teatri con gli appuntamenti da non perdere nelle prossime settimane.

 

Spettacoli a Bologna in primavera

– Uomo calamita (Teatro Comunale Laura Betti 24 aprile)

L’Italia delle leggi razziali e della Resistenza raccontata attraverso l’arte circense. Questo è l’obiettivo dello spettacolo scritto e diretto da Giacomo Costantini e che andrà in scena a ridotto dei festeggiamenti per la liberazione della Penisola dal nazifascismo. Protagonista sarà l’Uomo Calamita, sul palcoscenico a narrare le vicende di Raul che, dal circo abbandonato in cui viveva, decise di diventare un partigiano. Tra acrobazie, ballo e parole, declamate dalla voce di Wu Ming 2, la platea verrà guidata in un viaggio che unirà storia ed emozioni.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto platea Giovani 10,08 €; biglietto platea Ridotto10 11,20 €.

 

– Revolyutsiya (Teatro delle Moline 26 – 28 aprile)

I protagonisti della Rivoluzione d’Ottobre, coi loro sogni comuni e le loro divergenze politiche, sono al centro del terzo capitolo della trilogia che Marco Cavicchioli ha dedicato alla nascita dell’Unione Sovietica. Da Lenin a Molotov, passando per Stalin e Machno, i personaggi di quel periodo prenderanno corpo sul palco grazie all’interprete che, mettendo da parte qualsiasi giudizio storico e morale, darà vita a un favola ricca di umorismo nero. Diretto da Bruno Stori, Cavicchioli sarà supportato dalla chitarra di Irene Elena.

ORARI: venerdì 26 h 20.30; sabato 27 h 20; domenica 28 h 16.30.

PREZZI: biglietto intero 14,56 €; biglietto ridotto Coop, Conad, Over 60, Cart Musei, Tper 10,50 €; biglietto ridotto Under 35, Studenti Universitari 7,50 €.

 

– Mimma (ITC Teatro 26 aprile)

Una storia diventata il simbolo della lotta partigiana al femminile, quella di Irma Bandiera, nome di battaglia Mimma. Ed è proprio da quel soprannome, ricco di coraggio e autodeterminazione, che prende il titolo il monologo diretto da Paolo Fronticelli e interpretato da Lea Cirianni in programma questa settimana presso il teatro di San Lazzaro di Savena, in occasione della terza edizione di DIritti in scena. Conosciuta, raccontata in ogni suo dettaglio, la vicenda della donna bolognese torturata e uccisa dai fascisti verrà nuovamente ripresa per regalare al pubblico nuove riflessioni e inaspettati agganci con il presente.

ORARI: h 21.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– L’imbianchino (Teatro Dehon 26 – 28 aprile)

Due donne e un uomo alle prese con le nevrosi del presente, tra colpi di scena e tante risate. Sono questi gli ingredienti della commedia diretta da Claudio Insegno, in cartellone nel fine settimana presso il teatro felsineo, che punterà a coinvolgere il pubblico a suon di battute ed equivoci . Adattamento italiano del testo di Donald Churchill, la pièce ruota attorno alla ricca Marta, alto-borghese di ritorno da un viaggio di piacere con l’amante, a Walter, imbianchino che per curare la sua depressione si diletta a recitare, e a Gilda, moglie tradita intenzionata a vendicarsi su Marta, che nell’arco di una giornata scopriranno quanto la vita può essere ricca di sorprese. Un triangolo scoppiettante animato dal talento di Manuela Villa, Martufello e Nadia Rinaldi.

ORARI: venerdì 26 e sabato 27 aprile h 21; domenica 28 aprile h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto Soci Coop, Over 65, Circoli convenzionati 23 €; biglietto ridotto Studenti, Under 18,Comuni convenzionati 14 €.

 

– La Traviata (Teatro Comunale Bologna 28 aprile – 8 maggio)

Sarà uno dei capolavori verdiani a traghettare i melomani bolognesi nel mese di maggio. La Traviata, infatti, torna con un nuovo allestimento sul palco del Teatro Comunale di Bologna che punta a far palpitare i cuori degli spettatori e delle spettatrici. Il melodramma in tre atti, composto da Giuseppe Verdi sul libretto di Francesco Maria Piave, vede protagonista la mondana Violetta e il suo amante Alfredo, l’unico capace di farla innamorare. Un amore totalizzante e tormentato, ostacolato da Germont e dalla malattia che, ineluttabilmente, porterà la protagonista alla morte.

ORARI: domenica 28 e martedì 30 maggio, venerdì 3 e mercoledì 8 maggio h 20; giovedì 2; sabato 4 e martedì 7 maggio h 18; domenica 5 maggio h 15.30.

PREZZI: per maggiori dettagli consultare il sito.

 

Nelle settimane precedenti

 

– Il Conte Tacchia (Teatro EuropAuditorium 22 e 23 marzo)

Una storia d’amore fatta di sospiri e risate, con una Roma d’inizio Novecento chiamata a far da sfondo. Questi sono gli ingredienti della commedia musicale portata in scena da Enrico Montesano, tra i mattatori dello spettacolo italiano, che dopo Rugantino e Il Marchese del Grillo dedica il proprio talento alla celebrazione di un altro personaggio della storia capitolina. Tratto liberamente dal film diretto da Sergio Corbucci e interpretato dallo stesso Montesano, il musical sarà centrato sulla relazione romantica tra Fernanda e Checco e sulle atmosfere romane. Una capitale dallo spirito umbertino ricreata attraverso i fondali dipinti realizzati da Carlo De Marino, che saranno il set ideale per il ricco cast pronto a intrattenere il pubblico felsineo.

ORARI: venerdì 22 e sabato 23 marzo h 21.

PREZZI: biglietto I Platea intero 41 €; biglietto I Platea ridotto 37 €; biglietto I Platea abbonati 27,50 €; biglietto I Platea bambino 25 €; biglietto II Platea intero 35 €; biglietto II Platea ridotto 30 €; biglietto II Platea abbonati 27,50 €; biglietto II Platea bambino 25 €; biglietto Balconata 25 €; biglietto Balconata ridotto 21,50 €; biglietto Balconata abbonati 18,50 €; biglietto Balconata bambino 15 €.   

 

– Una classica storia d’amore eterosessuale (ITC Teatro dell’Argine 20 marzo)

I sentimenti e le emozioni di un nucleo familiare come tanti, tra amori, bisogni, conflitti e desideri. Sono questi gli ingredienti della pièce in cartellone questa settimana presso il teatro di San Lazzaro di Savena. Diretto e ideato da Francesca Merli, assieme a Camilla Mattiuzzo, lo spettacolo darà voce a una madre, un padre e un figlio, alle loro domande scomode, senza risposta, per sottolineare come la soluzione a tutto può e debba essere l’amore, da costruire, recuperare, ricordare. Un testo che punterà al cuore e alla pancia del pubblico felsineo, grazie all’equilibrio tra lacrime e risate e al talento di Davide Pachera, Massimo Scola e Laura Serena.

ORARI. h 21.

PREZZI: biglietto unico 10 €.

 

– Ragazzi di vita (Teatro Arena del Sole 21 – 24 marzo)

Le borgate della roma pasoliniana prendono corpo nell’allestimento curato nella drammaturgia da Emanuele Trevi e nella regia da Massimo Popolizio. L’adattamento teatrale del romanzo di Pier Paolo Pasolini, datato 1955, darà voce, infatti, a un coro di voci giovani e anarchiche, con tutto il loro portato di violenza, comicità, grottesco e tragedia. Un viaggio episodico attraverso i racconti e le vicende di un’umanità lontana dalla borghesia, rappresentata dalla straniera voce narrante, incarnata dal lanciatissimo Lino Guanciale, recentemente premiato con l’Ubu al miglior attore.

DURATA: 105’.

ORARI: giovedì 21 e venerdì 22 marzo h 21; sabato 23 marzo h 19.30; domenica 24 marzo h 16.

PREZZI: per informazioni sull’acquisto dei biglietti contattare la biglietteria del teatro.

 

– La bella addormentata (Teatro Duse 21 marzo)

Dalla Campania al mondo interno, passando dalla Francia, per poi far ritorno in Italia. Questo è l’itinerario compiuto da una delle fiabe più celebri della tradizione europea che, grazie al talento della compagnia Balletto del Sud diretta da Fredy Franzutti, recupera la sua calda natura mediterranea. Riprendendo infatti l’originale composizione di Giambattista Basile, il coreografo di stanza a Lecce inserisce elementi cari alla terra del sole, sostituendo la puntura del fuso con quella della tarantola salentina per esempio, e facendoli dialogare con le musiche di Cajkovskij. Un mix di calore e freddezza messo in scena grazie alla bravura di diciotto performer chiamati a coinvolgere la platea.

DURATA: 100’.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto platea intero 33 €; biglietto platea ridotto 30 €;biglietto platea mini 28 €; biglietto prima galleria e palchi intero 28 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 25 €; biglietto prima galleria e palchi mini 23,50 €; biglietto seconda galleria intero 24 €; biglietto seconda galleria ridotto 22 €; biglietto seconda galleria mini 20 €.

 

– Destinati all’estinzione (Teatro Celebrazioni 19 – 24 marzo)

Da chi crede che la terra sia piatta ai leoni da tastiera, dai parcheggiatori abusivi a chi umanizza i propri animali, nessuno sfuggirà all’ironia ficcante di Angelo Pintus. Il comico triestino, dopo i successi di Ormai sono una milf e E se fosse stato il cavallo?!, torna a calpestare le assi teatrali con un nuovo one-man show tutto da ridere. Facendo leva sui vizi dell’umanità contemporanea, Pintus e la sua comicità pungente e leggera punterà a conquistare, per l’ennesima, il pubblico bolognese.

ORARI: da martedì 19 a sabato 23 h 21; domenica 24 marzo h 18.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto smart 22 €.

 

– Il Barbiere di Siviglia (Teatro Comunale di Bologna 17, 20, 24, 26 e 28 marzo)

L’emblema dell’opera buffa e dello stile rossiniano torna sul prestigioso palcoscenico felsineo, grazie alla nuova produzione del Teatro Comunale di Bologna. Le vicende di Figaro, barbiere e factotum della città, e dell’amore tra Rosina e il Conte d’Almaviva, tratte dalla commedia di Beaumarchais, prenderanno forma sotto la direzione musicale di Federico Santi e la regia di Federico Grazzini. Un capolavoro musicale senza tempo e diventato un classico, dopo la prima romana datata febbraio 1816, che intratterranno la platea bolognese per più di dieci giorni.

ORARI: domenica 17, mercoledì 20 e martedì 26 marzo h 20; domenica 24 marzo h 15.30; giovedì 28 marzo h 18.

PREZZI: per maggiori dettagli consultare il sito.

 

– Liberata (ITC Teatro 29 – 31 marzo)

Quattro personaggi, la provincia indefinita, se non dal degrado, come il tempo, in bilico tra passato e presente, attraversati da passioni indicibili e desideri che li porteranno verso il baratro. Questo è il cuore dello spettacolo che la compagnia Teatro dell’Argine torna a riproporre dopo i successi degli scorsi anni. Scritto e diretto da Nicola Bonazzi, il testo accompagnerà il pubblico alla scoperta di Liberata e della sua solitudine, spazzata via dall’arrivo di Italo e delle sue due figlie, tra abusi, nefandezze e sacrifici. Una pièce impreziosita dalle performance di un cast di altissimo livello, capeggiato da Micaela Casalboni nei panni della protagonista.

ORARI: venerdì 29 e sabato 30 h 21; domenica 31 h 16.30.

PREZZI: biglietto intero 16 €; biglietto ridotto 12 €; biglietto ridotto Social, Arginebox 10 €; biglietto a Teatro con un euro 1 €.

 

– Che disastro di commedia (Teatro Celebrazioni 29 e 30 marzo)

Una scenografia che cade a pezzi, una serie di inconvenienti tutti da evitare e una manciata di attori pronti a coinvolgere la platea a suon di risate. Questi sono gli ingredienti della commedia diretta da Mark Bell che, dopo aver conquistato il pubblico di cinque regioni, sbarca sotto le Torri felsinee. Tratto dalla britannica The play that goes wrong, lo spettacolo vedrà sulla scena gli interpreti barcamenarsi tra situazioni al limite dell’assurdo, con l’allestimento che sarà fatto letteralmente a pezzi da loro stessi. Un mix esplosivo di assurdità e ilarità che punta a far breccia anche nella città di Bologna.

ORARI: venerdì 29 e sabato 30 h 21.

PREZZI: biglietto intero 29 €; biglietto ridotto 26 €; biglietto abbonati 24 €; biglietto smart 22 €.

 

– Regina Madre (Teatro Comunale Laura Betti 29 marzo)

Una riflessione sul potere e sull’incapacità di crescere, sullo strumento della menzogna e sui rapporti familiari, quella che andrà in scena presso lo stabile di Casalecchio di Reno, alle porte di Bologna. Un classico del teatro, scritto da Manlio Santanelli e diretto in questo nuovo allestimento da Carlo Cerciello, che darà spazio al duello tra una donna anziana e maniacale, la Madre, e un uomo fallito nella vita sentimentale e professionale, il Figlio, con l’ingombrante figura paterna sempre sullo sfondo. A dare vita ai due personaggi saranno Imma Villa e Fausto Russo Alesi, due mattatori del palcoscenico italiano.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 17,92 €; biglietto ridotto, Feltrinelli 16,24 €; biglietto ridotto giovani 10,08 €.

 

– Una disubbidienza straordinaria (Teatri di Vita 29 – 31 marzo)

Trasformare lo stigma e il suo simbolo in uno strumento di orgoglio e di disubbidienza e resistenza, raccontandolo attraverso i versi poetici di una delle più grandi penne del Novecento. È tratto dalla Canzone finale della stella gialla detta pure la Carlottina, raccolta ne Il mondo salvato dai ragazzini di Elsa Morante, lo spettacolo diretto da Andrea Santantonio in cartellone nel corso del prossimo weekend presso lo stabile bolognese. Un pezzo di storia collettiva, quella dell’Olocausto, che prenderà vita grazie alla storia di Carlotta, bambina ariana nella Berlino Nazista, pronta a sfoggiare la stella a sei punte senza remore e con coraggio.Un lavoro rivolto a grandi e piccini che vedrà sul palco Nadia Casamassima nei panni della giovane protagonista.

ORARI: venerdì 29 h 21; sabato 30 h 20; domenica 31 h 17.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto convenzioni, + 65, GB Card 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Beatitudo (Teatro Arena del Sole 30 e 31 marzo)

Un uomo desideroso di dimenticare, di perdere la sua memoria senza fine, e al contempo di rinominare il mondo, è il protagonista del nuovo pezzo di teatro che La Compagnia della Fortezza porterà in scena all’Arena del sole. L’ensemble diretto da Armando Punzo si è ispirato all’opera di Jorge Luis Borges, e al personaggio di Funes, per riflettere sul ruolo del teatro come strumento di esplorazione di spazi del reale sconosciuti e irraggiungibili, in un serrato dialogo tra la vita sconfinata e il palcoscenico limitato.

DURATA: 100’.

ORARI: sabato 30 h 19.30; domenica 31 h 16.

PREZZI: biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto 20%, Coop, Conad, Over 60, Tper, Card Musei 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 35, Studenti universitari, Lav Pens, ERT 11,50 €; biglietto galleria intero 13,50 €; biglietto galleria ridotto 20%, Coop, Conad, Over 60, Tper, Card Musei 10,50 €; biglietto galleria ridotto Under 35, Studenti universitari, Lav Pens, ERT 8,50 €.

 

– Una, nessuna e cento… Mina! (Teatro Dehon 30 marzo)

Sarà un omaggio sentito e a tutto tondo alla più grande cantante italiana di tutti i tempi, quello che Lala McCallan, diva en travesti, proporrà per il pubblico bolognese. Dai grandi classici a quelli meno conosciuti, I brani di Mina allieteranno gli spettatori grazie al talento della protagonista assoluta che, con la sua estensione di tre ottave, non farà rimpiangere la Tigre di Cremona. Un mix di musica e aneddoti, per tratteggiare un profilo umano e completo.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 21 €; biglietto ridotto 16 €.

 

– Tito/Giulio Cesare (Teatro Arena del Sole 4 – 7 aprile)

Una doppia riflessione sul potere, sulla sua azione e su quanto influenzi chi lo agisce, da un lato, e chi lo subisce dall’altro, attraverso le parole dell’autore più rappresentato al mondo. Sarà infatti William Shakespeare al centro del progetto ideato da Gabriele Russo e vincitore del Premio dell’Associazione Nazionale Critici 2017 come migliore progetto speciale. Riscritto e diretto rispettivamente da Fabrizio Sinisi e Andrea De Rosa, il nuovo allestimento del Tito Andronico vedrà il protagonista trasformarsi un uomo eroico preda della stanchezza e delle responsabilità, circondato da figli irresponsabili. Il Giulio Cesare ripreso da Michele Santeramo, alla scrittura, e dallo stesso Russo, chiamato alla regia, avrà il Tiranno alle prese con una comunità che alimenta la stessa tirannide. Due facce della stessa medaglia che il pubblico felsineo potrà apprezzare grazie a un linguaggio teatrale contemporaneo e fresco.

DURATA: 70’ + 20’ di intervallo + 60’.

ORARI: giovedì 4 e venerdì 5 aprile h 21; sabato 6 h 19.30; domenica 7 aprile h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 22,40 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT 13,50 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT  11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13.50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT 8,50 €.

 

– Il lago dei cigni (Teatro Comunale Bologna 5 e 6 aprile)

Uno dei capolavori del balletto torna sul prestigioso palcoscenico bolognese grazie al talentuoso Corpo di ballo del San Carlo di Napoli. Il classico composto da Pëtr Il’ič Čajkovskij sarà diretto in questa nuova versione da Giuseppe Picone, sulle coreografie di Marius Petipa, che darà nuovo lustro alle vicende amorose di Odette e Siegfried. A eseguire l’accompagnamento musicale l’Orchestra del Teatro Comunale, eccellenza nazionale condotta da Aleksej Baklan. Un appuntamento da non mancare per gli appassionati di danza.

ORARI: venerdì 5 aprile h 20.30; sabato 6 aprile h 18.

PREZZI: per maggiori dettagli consultare il sito.

 

– Christian racconta Christian De Sica (Teatro Celebrazioni 5 e 6 aprile)

Non solo amato interprete dei vizi dell’italica società, ma soprattutto figlio e padre amato e devoto. Sarà un Christian De Sica inedito, quello di stanza questa settimana sotto le Due Torri. Accompagnato da Pino Strabioli, cerimoniere d’eccezione, e dalle musiche eseguite dal vivo dal maestro Biseo al suo fidato pianoforte, l’interprete e regista romano guiderà la platea tra episodi di famiglia e momenti importanti della sua carriera lavorativa, dal rapporto con il padre Vittorio alle canzoni di Frank Sinatra. Un viaggio appassionato e appassionante lungo una carriera decennale.

ORARI: venerdì 5 e sabato 6 aprile h 21.

PREZZI: biglietto I Platea 54,00 €; biglietto II Platea 49,50 €; biglietto balconata 42,50 €.

 

– Tartufo (Teatro Duse 5 – 7 aprile)

È un Molière che guarda al Pasolini di Teorema, quello che andrà in scena presso il teatro bolognese in questo weekend di aprile. L’adattamento diretto da Roberto Valerio, infatti, riprende il celebre personaggio dell’autore francese – simbolo dell’ipocrisia e dell’arrivismo – trasformandolo in un angelo oscuro, ipnotico e devastante, capace di smembrare il nucleo familiare che ruota attorno a Orgone. Una versione tutta da gustare, per il pubblico bolognese, che potrà apprezzare il ricco cast formato, tra gli altri, da Giuseppe Cederna, Valentina Sperlì e dallo stesso regista.

ORARI: venerdì 5 e sabato 6 aprile h 21; domenica 7 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto seconda galleria mini 16,50 €.

 

– Ombre folli (Teatri di Vita 5 – 7 aprile)

Due solitudini, due ombre che si incontrano e che si raccontano attraverso le parole, i gesti, le emozioni, la follia. Enzo Vetrano e Stefano Randisi tornano a dare corpo e voce all’umanità poetica raccontata da Franco Scaldati, dopo Totò e Vicè e Assassina, e questa volta lo fanno portando i due personaggi ai margini di Ombre folli. Una coppia di uomini che mette a nudo le proprie fragilità senza filtri, con il primo dei due amante del travestitismo e degli uomini ai quale piace concedersi, e con il secondo che, scoprendo il segreto di colui che considera come un figlio, lo rapisce per dargli la salvezza. Monologhi scritti nel tipico idioma palermitano, cifra stilistica del drammaturgo, pronti a diventare un costante gioco di specchi in cui chi parla non è mai realmente solo. Uno spettacolo in cui disperazione e poesia si intrecciano senza lasciare via di scampo allo spettatore in sala, messo di fronte a chi, oggi, è alla ricerca di una redenzione.

ORARI: venerdì 5 aprile h 21; sabato aprile 6 h 20; domenica 7 aprile h 17.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto Convenzioni, + 65, GB card 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Granma – Metales de Cuba (Teatro Arena del Sole 10 e 11 aprile)

Un’isola vista con gli occhi e le parole di chi oggi la abita, a sessant’anni da quella rivoluzione che la portò al centro del mondo. Cuba e le sue contraddizioni sono il cuore dello spettacolo diretto da Stefan Kaegi, in cartellone questa settimana presso lo stabile bolognese, che parte dai racconti di giovani cubani per aprire uno sguardo sul presente. Da quella del trentaseienne Daniel Cruces-Pérez, nipote del Ministro per il recupero della proprietà sotto la guida del Líder Máximo, a quella di Christian Paneque Moreda, ventiquattro anni e la storia del nonno pilota di guerra in Angola sempre in testa, le vicende private si alterneranno a domande sulla società contemporanea, in un costante gioco di voci di oggi e di ieri. Lo spettacolo è in lingua spagnola con sovratitoli in italiano.

DURATA: 135’.

ORARI: mercoledì 10 e giovedì 11 h 21.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 22,40 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT 13,50 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT  11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13.50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT 8,50 €.

 

– Perché mi stai guardando? (Teatro Celebrazioni 13 aprile)

Dopo il successo dello scorso anno Angelo Duro torna sul luogo del misfatto con la sua comicità cinica e dal cuore generoso al contempo. Salito alla ribalta con la sua partecipazione al programma televisivo Le Iene e a Tiramisù, con Fabio De Luigi, il comico palermitano partirà dalla sua infanzia difficile, durante la quale da bravo bambino fu costretto a diventare cattivo, per affrontare i temi più vari, dal rapporto tra i generi alla natura, passando per l’omofobia e il razzismo. Un one-man show tutto da ridere e godere per il pubblico felsineo.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 26 €; biglietto ridotto 24 €; biglietto smart 20 €.

 

– Abracadabra: Incantesimi di Mario Mieli (Teatri di Vita 13 e 14 aprile)

Una vita fluida e prismatica, come la sessualità, quella di Mario Mieli, protagonista dello spettacolo scritto, diretto e interpretato da Irene Serini che andrà in scena presso il teatro felsineo. Attivista omosessuale, scrittore, performer, filosofo, Mieli ha attraversato come una cometa fulgida la cultura italiana degli anni Settanta, scuotendola nel proprio intimo e mettendone in discussione gli schemi di pensiero e le etichette sociali. Consapevole della portata dirompente del materiale umano e intellettuale tra le sue mani, la’performer triestina guiderà la platea in un viaggio dai confini indefiniti.

ORARI: sabato 13 h 20; domenica 14 h 17.

PREZZI: biglietto intero 15 €; biglietto ridotto convenzioni, + 65, GB Card 13 €; biglietto ridotto Under 30 9 €.

 

– Colpo di Scena (Teatro Duse 12 – 14 aprile)

La provincia italiana, con le sue giornate trascorse tra piccoli crimini e gioie quotidiane, tra personalità integerrime, o presunte tali, e destini segnati. Attorno a questo ruota la pièce scritta e diretta da Carlo Buccirosso, un thriller dal sapore tutto italiano che punta a coinvolgere il pubblico sotto le Due Torri. Protagonista il vice questore Eduardo Piscitelli, garante dell’ordine pubblico che vive il suo mestiere come una missione fino a quando non si troverà davanti a una scelta difficile, che lo costringerà a rifugiarsi, per la prima volta in tanti anni, nei suoi affetti più cari. Supportato da un cast ricco e talentuoso, l’interprete e regista partenopeo si immergerà nella complessità dell’animo umano con il suo stile riconoscibile e inimitabile, fino al colpo di scena finale.

ORARI: venerdì 12 e sabato 13 aprile h 21; domenica 14 h 16.

PREZZI: biglietto platea intero 29 €; biglietto platea ridotto 26,50 €; biglietto platea mini 23,50 €; biglietto prima galleria e palchi intero 25 €; biglietto prima galleria e palchi ridotto 23 €; biglietto prima galleria e palchi mini 20,50 €; biglietto seconda galleria intero 20,50 €; biglietto seconda galleria ridotto 18,50 €; biglietto seconda galleria mini 16,50 €.

 

– Libera nos domine (Teatro Dehon 12 – 14 aprile)

Una rivoluzione tutta da realizzare, tra dubbi da sciogliere e domande alle quali trovare una risposta di senso. Il nuovo one-man show di Enzo Iacchetti parte proprio da qui e dalla volontà dell’attore e intrattenitore di andare oltre la sua maschera comica, per interrogarsi sul presente e sul futuro. Dal progresso all’amicizia, dall’amore alla religione, passando per il tema della migrazione, l’interprete lombardo guiderà la platea in un percorso fatto di ironia e riflessione, accompagnato dalle animazioni originali realizzate da Francesco Crispi e dalle musiche composte da Marcello Franzoso.

ORARI: venerdì 12 e sabato 13 aprile h 21; domenica 14 h 16.

PREZZI: biglietto intero 27 €; biglietto ridotto Soci Coop, Over 65, Circoli convenzionati 23 €; biglietto ridotto Studenti, Under 18,Comuni convenzionati 14 €.

 

– Appunti dal bordo del cratere: versi per l’Italia (Teatro dell’abc 18 aprile)

Un quinto appuntamento che vedrà protagonista la poesia e la nostra penisola, quella in cartellone questa settimana al Teatro dell’abc. Parte della rassegna di otto spettacoli curata da Gabriele Via e intitolata Pagine in scena, incentrata sul rapporto tra letteratura e teatro, il reading darà spazio alle poesie dedicate all’Italia. Sul palcoscenico lo stesso Via, accompagnato dalle musiche di Valentina Corvino.

ORARI: h 21.

PREZZI: biglietto intero 13 €; biglietto ridotto soci/socie 10 €; biglietto ridotto Under 25 7 €.

 

– La fabbrica dei preti (Oratorio San Filippo Neri 18 aprile)

La complessità della cultura cattolica, tra intrecci di forme narrative e linee temporali differenti. Giuliana Musso racconta i seminari nello spettacolo in programma sotto le Due Torri, per restituire la fotografia di un paese, l’Italia, attraversato da contraddizioni, gerarchie e regole che ne hanno prodotto il senso morale e etico. Vicentina d’origine e udinese d’adozione, l’interprete darà fondo al suo talento, destreggiandosi tra reportage della vita seminariale, proiezioni fotografiche e testimonianze di prima mano alle quali darà corpo e voce. Un viaggio tortuoso e stimolante, contrappuntato dalle musiche di Giovanni Panozzo, Daniele Silvestri, Massimo Serli e Maxmaber Orkestar, Mario D’Azzo e Tiromancino.

ORARI: h 20.30.

PREZZI: ingresso gratuito.

 

– Si nota all’imbrunire. Solitudine da paese spopolato (Teatro Arena del Sole 17 – 19  aprile)

Un uomo, un padre, che vuole avere il pieno possesso della sua esistenza, costretto a fare i conti con la realtà quotidiana, dolorosa e piena di compromessi. Questo è il cuore della pièce scritta e diretta da Lucia Calamaro, in cartellone presso lo stabile felsineo, e che punterà a coinvolgere la platea, tra relazioni familiari, quelle tra Roberto e i figli Alice, Riccardo e Maria, messi di fronte alle manie paterne, ingestibili nel decimo anniversario della scomparsa della madre. Dai desideri del protagonista alle aspettative della prole ormai grande, lo spettacolo vedrà in scena Silvio Orlando nei panni del protagonista, in preda ai dubbi esistenziali generati dalla solitudine della vita di provincia.

DURATA: 110’ con intervallo.

ORARI: mercoledì 17, giovedì 18 e venerdì 19 aprile h 21.

PREZZI: biglietto platea intero 28 €; biglietto platea ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 22,40 €; biglietto platea ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT 13,50 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia intero 23,52 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 17,92 €; biglietto palco, palco reale e barcaccia ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT  11,50 €; biglietto galleria e barcaccia intero 13.50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Coop, Conad, Ridotto 20%, Over 60, TPer, Card Musei Metropolitani 10,50 €; biglietto galleria e barcaccia ridotto Under 35, Studenti Universitari, Lav Pens, ERT 8,50 €.

 

Etichette: