Pubblicato in: Food

Ferrara Food Festival: dal 5 al 7 novembre la prima edizione dell’evento enogastronomico

Beatrice Curti 3 settimane fa
ferrara-piazza-food

La regione Emilia- Romagna ha il maggior numero di prodotti riconosciuti DOP e IGP (44) e 18 di questi sono nella provincia di Ferrara. Sotto questi propositi nasce il Ferrara Food Festival, la prima edizione di un evento estremamente ambizioso, che porta nella città estense il meglio dell’enogastronomia del territorio.

Dal 5 al 7 novembre le strade di Ferrara saranno teatro di incontri, degustazioni, showcooking e attività per grandi e piccini dedicate al mondo del food, con la presenza di grandi personalità dell’alta cucina e della gastronomia italiana.

Il festival gastronomico si articolerà tra Piazza Trento e Trieste, Piazza Castello, Piazza Municipale coinvolgendo quindi tutto il centro cittadino nel celebrare le eccellenze enogastronomiche del Territorio attraverso un format che garantirà autorevolezza e successo ad una programmazione capace di richiamare sia tutti gli appassionati della buona tavola che gli addetti ai lavori nazionali ed esteri.

“Un nuovo e prestigioso evento qualificherà l’offerta in un periodo strategico, che arriva tra la conclusione della stagione estiva e il periodo natalizio e che terrà viva l’attenzione su Ferrara anche a novembre, prima del ricco calendario programmato per dicembre – spiega l’Assessore al Turismo Matteo Fornasini-. Il Ferrara Food Festival sarà il culmine di un percorso che ci ha visti impegnati in questi mesi, a fianco della Camera di Commercio, della Strada dei vini e dei sapori, delle associazioni, per predisporre le migliori condizioni per valorizzare tutto il buono che la nostra terra e il patrimonio della nostra tradizione produce. La cucina ferrarese è parte integrante della gloriosa storia ferrarese e presenta peculiarità che la rendono unica, anche nel panorama della cucina emiliana

Ferrara Food Festival: gli eventi in programma

Non solo cibo: al Ferrara Food festival anche mostre, visite guidate e attività dedicate alla scoperta di un vero gioiello storico e artistico come Ferrara. Ogni giorno partiranno tour guidati al bellissimo Castello Estense, mentre non mancheranno durante la tre giorni incontri e dibattiti dedicati alla lunga storia culinaria di Ferrara e alla riscoperta della figura di Cristoforo Messi Sbugo, autore di uno dei primissimi trattati di cucina, datato 1549 e dal titolo Libro novo nel qual s’insegna à far d’ogni sorte di vivande secondo la diversità de’ tempi.

Per gli amanti della grande cucina non mancheranno certo le occasioni per scoprire e assaggiare nuovi prodotti e preparazioni innovative dedicate al festival, con showcooking pensati per valorizzare le eccellenze del territorio in grande stile. Grande come il maxi cappellaccio di zucca in preparazione durante la giornata di sabato 6 novembre realizzato dalle mani esperte delle sfogline dell’Accademia della Sfoglia.

A completare l’offerta culturale del Ferrara Food Festival anche grandi momenti di approfondimento sulle materie prime, come le pere IGP dell’Emilia – Romagna, i cappellacci ferraresi contro i tortelli di zucca mantovani, le farine, i vini, il riso e le eccellenze del Delta del Po. Tra le figure di riferimento gli chef Gianfranco Vissani, Simone Finetti e Gino Fabbri, insieme a Edoardo Raspelli e tantissimi altri esperti della ristorazione e della cucina italiana ed emiliana in particolare.

Le vie del centro di Ferrara dal 5 al 7 novembre vedranno vari eventi e spettacoli tra gli imperdibili la rievocazione del matrimonio tra Lucrezia Borgia e Alfonso D’Este, esibizioni di sbandieratori, spettacoli e giochi di fuoco e la meravigliosa infiorata che in tempo reale andrà a creare una vera opera d’arte dedicata ad un simbolo della città.

Le vie del centro di Ferrara dal 5 al 7 novembre vedranno vari eventi e spettacoli tra gli imperdibili la rievocazione del matrimonio tra Lucrezia Borgia e Alfonso D’Este, esibizioni di sbandieratori, spettacoli e giochi di fuoco e la meravigliosa infiorata che in tempo reale andrà a creare una vera opera d’arte dedicata ad un simbolo della città.